Tutto quello che devi sapere prima di guardare Strangers Things 4 Vol. 1

Undici, Joyce, Will e Jonathan si sono trasferiti in California. Mentre il resto della banda è tornata a Hawkins. L'eroina non ha più i suoi poteri, ma è in arrivo una nuova minaccia dal Sottosopra...

Pubblicato il 27 maggio 2022
News

La serie-fenomeno di Matt e Ross Duffer, una delle poche che negli ultimi anni è già riuscita a guadagnarsi il titolo di cult globale, è finalmente tornata. Il primo capitolo di Stranger Things 4 (qui il trailer) – il drama che ha sempre avuto il merito di riportare in auge il vintage Anni ’80 e il genere horror-fantasy – è finalmente disponibile su Netflix dal 27 maggio 2022, dopo tanti rinvii delle riprese a causa della pandemia. La seconda parte, invece, è prevista a luglio 2022.

Come si legge su Vanity Fair, in seguito alla pubblicazione della terza stagione nell’estate del 2019, era evidente che i fratelli Duffer dovessero decidere in che modo proseguire la storia di Undici e dei sui amici. Insomma, dovevano capire da che parte andare, se addolcirsi nella narrazione o incupirsi ancora di più. Gli ideatori hanno quindi optato per un immaginario ancora più dark, scegliendo di ispirarsi ad altrettanti fenomeni cinematografici come Nightmare e Carrie.

La vicenda è ambientata sei mesi dopo gli avvenimenti dello Starcourt Mall. La banda si è dovuta dividere: Undici (Millie Bobby Brown), Joyce (Winona Ryder), Will (Noah Schnapp) e Jonathan (Charlie Heaton) si sono trasferiti in California. Mentre Mike (Finn Wolfhard), Dustin (Gaten Matarazzo), Lucas (Caleb McLaughlin) e Max (Sadie Sink) sono rimasti a Hawkins.

I protagonisti hanno a che fare con i classici problemi adolescenziali ma, trattandosi di Stranger Things, c’è ben altro che preoccupa i ragazzi. Ecco quindi comparire una nuova minaccia dal Sottosopra: un demone di nome di Vecna, che si nutre delle debolezze e delle paure del prossimo per rafforzarsi. Solo Undici potrebbe essere in grado di far fronte al nemico ma, come si è visto nel terzo capitolo, l’eroina ha dovuto rinunciare ai suoi poteri, scoprendosi estremamente fragile e bisognosa di protezione. Inoltre, l’esercito americano vorrebbe impossessarsi di nuovo di lei, per utilizzarla in scopi militari.

Seguici anche su Google News!