Taylor Swift: i fan si chiedono se All Too Well parla di Jake Gyllenhaal

La cantante ha pubblicato una nuova edizione dell'album Red e uno short movie del celebre brano. Questa versione integrale del testo sembra spiegare meglio come si erano concluse le cose con l'attore, ma è veramente così?

Pubblicato il 13 novembre 2021
News

Il 12 novembre 2021 è fuori ovunque l’atteso disco Red (Taylor’s Version), la riedizione del quarto album in studio di Taylor Swift originariamente uscito nel 2012. In occasione della pubblicazione del progetto la cantante ha annunciato anche l’uscita dello short movie del brano All Too Well, diretto da lei stessa e online il 13 novembre sull’account YouTube dell’artista.

Protagonisti del corto gli attori Sadie Sink di Stranger Things e Dylan O’Brien , di Teen Wolf. Nella tracklist di Red, All To Well occupa la quinta posizione, mentre nella Taylor’s Version (ben 30 tracce), la canzone da 10 minuti, chiude l’opera. Per promuovere questa uscita, Taylor ha fatto il giro dei programmi tv americani e al Tonight Show Starring Jimmy Fallon ha parlato della ri-registrazione dell’album svelando di essere emozionata per la presenza della versione integrale del brano, che nel 2012 era stato ridotto nel formato più canonico di cinque minuti e mezzo.

All Too Well è uno dei brani più amati dai fan della voce di Shake It Off e racconta la fine di una storia d’amore. Non ci sono conferme ufficiali, ma pare proprio che il testo faccia riferimento alla relazione con Jake Gyllenhaal, o meglio alla fine della loro storia. I due si erano frequentati per tre mesi alla fine del 2010 e Tay Tay (Taylor Swift) aveva scritto il pezzo durante le prove dello Speak Now tour a gennaio 2011.

Da allora i fan pensano che parli della fine della love story con l’attore de I Segreti di Brokeback Mountain e le nuove parole del testo sembrano spiegare meglio come si erano concluse le cose tra loro. Sui social impazza l’hashtag con i loro nomi e quelli del brano con l’aggiunta di un particolare, un emoji di una sciarpa rossa.

Seguici anche su Google News!