Trump cancella dalle mense scolastiche la dieta introdotta da Michelle Obama

I nuovi standard concederanno alle scuole una maggiore flessibilità nella scelta dei pasti

News

Donald Trump ha deciso di sovvertire alcuni provvedimenti attuati da Michelle Obama proprio nel giorno del suo cinquantaseiesimo compleanno.

Si tratta degli standard che, nella scorsa amministrazione politica statunitense, aveva stabilito l’ex First Lady riguardo ai cibi da distribuire nelle mense scolastiche. Sulla scia della campagna Let’s Move che promuoveva la lotta all’obesità giovanile, Michelle si era battuta per inserire pasti più completi e salutari all’interno dei menù scolastici.

Trump ha voluto cambiare completamente rotta facendo praticamente un passo indietro rispetto alle misure stabilite dalla legislazione precedente. I nuovi standard introdotti dall’attuale Presidente degli Stati Uniti concederanno alle mense scolastiche una maggiore flessibilità nella scelta dei pasti così come affermato dal Ministero dell’Agricoltura: “Chi meglio delle scuole conosce i propri ragazzi. I distretti scolastici continuano a dirci che c’è molto cibo che viene buttato e nasce l’esigenza di dare ai ragazzi pasti nutrienti e anche più appetitosi“.

Questo vuol dire che, per evitare spreco di alimenti ed accontentare i gusti degli studenti, saranno sicuramente introdotti cibi più gustosi ma anche meno salutari e nutrienti. Nulla di strano, quindi, se a breve nelle mense scolastiche riappariranno hamburger e hot dog circondati dalle immancabili patatine fritte.

A rigor di logica, una scelta del genere non sembra essere adeguata soprattutto in una società dove il consumo di junk food e il tasso di obesità giovanile è ormai arrivato a tassi più che preoccupanti. Sarà stato solo un dispetto di Trump nei confronti dell’ex First Lady?