Yves Saint Laurent: 7 consigli di stile (sempre attuali) a cui ispirarsi

Lo stilista ha rivoluzionato la moda con la visione di una donna indipendente, ma sensuale: come seguire i suoi dettami oggi

Aggiornato il 26 dicembre 2020

Sono passati 58 anni da quando Yves Saint Laurent, licenziato dalla Maison Dior, grazie al fortunato incontro con Pierre Bergé ha presentato la prima collezione, nella sede della sua casa di moda al 30 bis di rue Spontini a Parigi: eppure, ancora oggi, i consigli di stile del designer a cui ispirarsi restano sempre attuali.

Forse perché l’essenza delle innovazioni dello stilista affonda proprio le sue radici nel cambiamento e nella voglia di interpretare la contemporaneità. Del resto, non è un segreto come durante la sua carriera Yves Saint Laurent abbia cambiato il linguaggio della moda in modo indelebile, incoraggiando le donne di tutto il mondo con i suoi modelli potenti, ma sensuali.

Le innovazioni di YSL

Anarchico e femminista, ha vestito le sue donne con smoking, pantaloni e camicette trasparenti; ha inventato l’abito a trapezio e lo stile “safari”; ha portato sotto i riflettori dolcevita e camouflage. I suoi look facevano sentire le donne più libere e sicure di sé, costringendo anche l’opinione pubblica a rendersi conto del fatto che una donna attraente non è solo quella che indossa una profonda scollatura e un corpetto stretto.

Yves Saint-Laurent con Laetitia Casta e Catherine Deneuve (foto Getty Images)

Come ha notato una volta l’attrice Catherine Deneuve, amica intima dello stilista nonché una delle sue celebri muse, “Saint Laurent disegna per donne con una doppia vita. I suoi abiti da giorno aiutano le donne a entrare in un mondo pieno di estranei. Permettono loro di andare dove vogliono senza suscitare attenzioni indesiderate, grazie alla qualità in qualche modo mascolina. Tuttavia, per la sera, quando può scegliere la sua compagnia, lui rende la donna seducente”.

Essendo un maestro del linguaggio, il designer, oltre ai suoi look, ci ha lasciato in eredità molte eloquenti dichiarazioni di intenti creativi da cui è facile trarre consigli validi per tutte, da applicare agli outfit e al modo di vivere la moda anche ai nostri giorni.

Ecco le dritte, le indicazioni, le parole d’ispirazione preferite della redazione.

Yves Saint Laurent: 7 consigli di stile

Yves Saint Laurent (foto Getty Images)
  1. Per apparire bella, una donna ha bisogno di un maglione nero, una gonna nera dritta e un uomo che la ami”. Insomma, ormai abbiamo capito la lezione, con il nero non si sbaglia mai.
  2. Anche l’abbigliamento più raffinato ha bisogno di almeno una goccia di profumo. È questo che aggiunge un senso di perfezione e conferisce una certa dose di fascino e allure”. YSL non ha mai amato accessori eccessivi, preferendo ai gioielli enigmatici occhiali da sole e una goccia di profumo.
  3. Ho detto spesso che avrei voluto inventare i blue jeans. Hanno espressione, modestia, sex appeal, semplicità: tutto quello che spero ci sia nei miei vestiti”. Un capo che ben ha rappresentato negli anni l’indipendenza della donna e che non può mancare nel guardaroba.
  4. Un buon modello può far progredire la moda di dieci anni”. Un invito a essere sempre al passo con i tempi e continuare a seguire le evoluzioni della moda.
  5. I pantaloni da donna dovrebbero essere femminili, dovrebbero adattarsi alla sua forma per nascondere o enfatizzare ciò che è necessario”. Un consiglio che sottolinea l’importanza di scegliere modelli che valorizzino la propria forma del fisico.
  6. La moda va e viene, ma lo stile è eterno”. Vestite con stile, magari seguendo i dettami del guardaroba capsula, e non sarete mai fuori luogo.
  7. Il trucco più bello di una donna è la sua passione. Ma i cosmetici sono più facili da acquistare”. Queste parole fanno senz’altro il paio con una delle frasi più celebri di Yves Saint Laurent: “Gli abiti più belli che possono vestire una donna sono le braccia dell’uomo che ama. Ma per coloro che non hanno avuto la fortuna di trovare questa felicità, io sono qui”. Insomma, curate il vostro aspetto, ma anche le relazioni e la vostra anima, perché, per quanto siano straordinari, non troverete la felicità negli abiti.

Articolo originale pubblicato il 24 dicembre 2020

Seguici anche su Google News!