In questa guida si illustrerà come utilizzare lo stepper a casa, in modo tale che possa essere utile e risultare particolarmente efficace per l’esercizio fisico. Allenarsi a casa ha l’indubbio vantaggio di poterlo fare in tutta comodità quando e come è possibile.

A questa regola non sfugge neppure l’utilizzo dello stepper, dato che in commercio è possibile trovarne di tutti i tipi e per tutte le esigenze. Esistono modelli che non occupano molto spazio e che possono essere tenuti anche in case non particolarmente grandi. Si sta parlando dunque di un attrezzo che ben si presta alle varie esigenze, qualunque esse siano.

Cos’è lo stepper

Per prima cosa meglio chiarire di cosa si sta parlando di un attrezzo come lo stepper. Quest’ultimo si compone di una piattaforma di circa quaranta centimetri di larghezza e lunga un metro su cui poggiare i piedi: regolabile in altezza, serve per ottenere un movimento di sali/scendi – come su un qualsiasi gradino – che aiuta ad allenare le gambe, a bruciare calorie e quindi a perdere peso e a mantenersi in forma. Utilizzarlo in modo costante apporta beneficio al sistema cardiocircolatorio e anche alla respirazione, oltre che a favorire il rassodamento dei muscoli delle gambe e dei glutei. Lo stepper è disponibile con e senza manubrio.

Come utilizzare lo stepper a casa: consigli utili

La regola fondamentale nell’utilizzo dello stepper è quello della costanza. L’ideale sarebbe allenarsi per circa 15/20 minuti a giorni alternati ma l’intensità dell’allenamento può dipendere anche dal grado di preparazione atletica e dalle necessità. Se si vuole che lo stepper aiuti, è essenziale far leva sulla respirazione mentre lo si utilizza, regolando la in base allo sforzo compiuto.

Attenzione anche a come si regola l’attrezzo (se il modello lo consente): uno stepper regolato in posizione più bassa permette soprattutto di andare a stimolare i quadricipiti delle gambe; uno stepper che invece viene regolato più in alto va ad incidere soprattutto su femorali e glutei. Non volete annoiarvi durante l’allenamento e volete resistere più a lungo? Affidatevi a della buona musica che faccia compagnia e aiuti a mantenere il ritmo.

Come utilizzare lo stepper a casa: esercizi

Prima di salire sullo stepper fate un po’ di stretching (bastano cinque minuti), giusto per distendere i muscoli e prepararli all’allenamento vero e proprio. Procedete poi con il lavoro che volete effettuare sul corpo. Se siete interessate a scolpire gambe e glutei cercate di spingere soprattutto sui talloni, mantenendo la schiena dritta e gli addominali contratti. Per un’azione ancora più incisiva sui glutei mettete i piedi in modo tale che fuoriescano leggermente dalla pedana, poi piegate il busto in avanti e inclinate la schiena (posizione adatta soprattutto per coloro che dispongono di uno stepper con manubrio).

Per lavorare sui polpacci, il movimento migliore da praticare è quello di spingere sulla pedana con le punte dei piedi, mantenendo una postura dritta con la schiena e contraendo sempre gli addominali. Per coloro che vogliono concentrarsi sui muscoli posteriori della coscia, la posizione da adottare sullo stepper è semi seduta (da eseguire con stepper provvisto di manubrio, per avere un appoggio).

Infine, lo stepper si può utilizzare anche per allenare le braccia: lo step può essere una base rialzata per flessioni, o un appoggio per piegamenti sugli avambracci sedute sullo step, scendendo al di sotto della pedana e risalendo.