La dieta di mantenimento è forse la fase più difficile in quanto occorre stabilizzare il peso raggiunto dopo una dieta dimagrante. Come farla affinché in breve tempo non si riprendano i chili persi? L’obiettivo è quello di non far abbassare il metabolismo basale ovvero il consumo calorico a riposo del nostro organismo e la risposta sembra essere un regime alimentare equilibrato che comprenda tutti i cibi ma soprattutto fibre e proteine.

Un gruppo di studiosi americani del New Balance Foundation Obesity Prevention Center di Boston ha studiato un gruppo di ragazzi che si erano sottoposti a una dieta dimagrante per cercare di capire quale fosse la dieta di mantenimento migliore. Per fare ciò li hanno divisi in tre gruppi e sottoposti a tre diversi regimi alimentari.

Nel primo l’alimentazione era basata prevalentemente su ortaggi, frutta e cereali, con un basso apporto di grassi, il secondo aveva un basso tenore glicemico e il terzo era quasi privo di carboidrati. Si è evidenziato che nessuna delle 3 diete proposte riusciva a stabilizzare il peso mentre solo la combinazione equilibrata di carboidrati, grassi, fibre vegetali e in minima parte anche zuccheri garantiva un buon funzionamento del metabolismo basale che di solito proprio dopo una dieta restrittiva tende a rallentare e quindi a consumare meno calorie.

In particolare le fibre ridurrebbero l’incremento della glicemia e dell’insulina dopo i pasti mentre le proteine stimolano il metabolismo energetico. La giusta proporzione di un’efficace dieta di mantenimento sarebbe 40% di carboidrati, 40% di grassi e 20% di proteine, più tante fibre vegetali.

La ricerca ha infatti dimostrato che una dieta ricca di carboidrati riduce il metabolismo basale in maniera inferiore rispetto alle altre ma d’altro canto aumenta il livello di cortisolo nel sangue, mentre la carenza di grassi fa abbassare di molto il consumo energetico.

Ancora una volta quindi è stato dimostrato che è nell’equilibrio che si trova la soluzione. Una dieta di mantenimento sullo stile di quella mediterranea rimane quindi l’ideale per non riacquistare più i chili persi e mantenersi in salute con il giusto apporto di tutti i nutrienti di cui l’organismo necessita.

Fonte: corriere.