Gonfiore, pesantezza ma anche aumento dell’appetito: una dieta senza lieviti può aiutare a contrastare questo tipo di problemi. Quelli descritti sono infatti i comuni sintomi riscontrati in caso di intolleranza ai lieviti, sostanze che si trovano in determinati cibi e bevande.

I lieviti, infatti, non sono solo presenti nei classici prodotti da forno, come pane e pizza, ma anche nei formaggi fermentati, nella salsa di soia, nella birra e nel vino che richiede infatti un processo di fermentazione.

Il consumo di questi alimenti in caso di intolleranza va assolutamente limitato e allo stesso modo sarà necessario seguire una dieta ad hoc.

Leggi anche La dieta del supermetabolismo | La dieta per abbassare il colesterolo

Dieta senza lieviti: i benefici

Una dieta di questo tipo permetterà di notare subito dei risultati concreti, come la riduzione del senso di gonfiore e una migliore funzionalità dell’intestino.

Non solo, seguire un’alimentazione senza lieviti, benché richieda qualche piccolo sacrificio, permetterà anche nel giro di poche settimane di conquistare una pancia piatta, oltre che una sensazione generale di benessere.

Dieta senza lieviti: il menu

In cosa consiste dunque la dieta senza lieviti?

Lo schema del menu giornaliero da seguire può essere così riassunto.

  • Colazione. Al risveglio si può optare per un bicchiere di latte scremato o uno yogurt magro, in entrambi i casi con un cucchiaio di cereali.
  • Pranzo. A mezzogiorno si può alternare un piatto di pasta integrale, un risotto o gnocchi di ricotta con un condimento leggero che può essere semplice sugo di pomodoro oppure verdura. Come secondo largo a un carpaccio di pesce o di carne, o ancora a un piatto di bresaola. Il tutto accompagnato da una porzione di verdura cotta.
  • Cena. Alla sera invece, è meglio puntare su un semplice secondo che può essere un trancio di salmone al forno, una porzione di nasello al vapore oppure una mozzarella di bufala piccola. Anche in questo caso, abbinati a un piatto di verdura cotta o cruda a piacere.
  • Spuntini. Durante il giorno, a metà mattina e al pomeriggio, si possono scegliere una macedonia di frutta o una semplice spremuta.

Dieta senza lieviti: i consigli

Per gestire al meglio questo tipo di dieta, può essere utile anche tenere a mente qualche semplice dritta.

Ecco allora le regole da seguire durante la dieta senza lieviti:

  • per condire è bene utilizzare solo olio extravergine di oliva;
  • altrettanto importante è limitare l’uso del  sale che può essere sostituito da erbe aromatiche a piacere;
  • come accompagnamento al posto del pane, si può invece optare per delle gallette di riso o di mais oppure scegliere il pane azzimo, ovvero la variante senza lievito;
  • infine, una volta a settimana, ci si può concedere uno sgarro, come una pizza margherita o un calice di vino.