Come cucinare gli spaghetti alle vongole: una ricetta facile e veloce Spaghetti alle vongole, oggi, uno dei piatti più famosi e amati, l’eccellenza della gastronomia napoletana conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Spaghetti alle vongole a New York, a Londra, a Parigi, a Berlino, a Madrid e, perché no?, anche a Pechino e a Mosca, ma gli spaghetti alle vongole sono la maggiore attrazione culinaria per i turisti a Napoli, una delle delizie della cucina del Golfo che immancabilmente ogni ospite della città vuole regalarsi lì dove è stata “inventata”.

SPAGHETTI ALLE VONGOLE

PREPARAZIONE

Lavate molto accuratamente le vongole per eliminare la sabbia.

Preparate il sugo alle vongole: in un grande tegame fate soffriggere l’aglio nell’olio, poi aggiungete le vongole e il pepe. Mescolatele e scuotete il tegame. Quando le vongole si aprono togliete le valve e filtrate accuratamente il sugo sempre per eliminare eventuali residui di sabbia. Dopo averlo filtrato unitelo alle vongole, aggiungete un po’ di prezzemolo tritato, scaldate un momento sul fuoco. Cuocete gli spaghetti e conditeli con il sugo.

Potrete anche preparare la variante al pomodoro:

Insaporite uno spicchio d’aglio nell’olio e levatelo appena prende colore: non deve bruciare. Mettete poi 500 grammi di pomodori freschi o anche in scatola e cuocete a fuoco vivo per qualche minuto (io uso i pomodorini). Aggiungete il liquido delle vongole e continuate la cottura per 10-15 minuti. Infine unite la salsa alle vongole e un po’ di prezzemolo tritato, scaldate il tutto per pochi minuti e condite gli spaghetti. Con lo stesso procedimento potete preparare gli spaghetti alle cozze.

TEMPO DI PREPARAZIONE:

30 MINUTI

TEMPO DI COTTURA:

25 MINUTI CIRCA

DIFFICOLTÀ:

NESSUNA

PER PERSONA:

CALORIE 500

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

350 g di spaghetti

1 kg di vongole

1 bicchiere e mezzo di olio

2 spicchi d’aglio

prezzemolo

sale – pepe

VINI CONSIGLIATI

Chardonnay Lison P.

Verdicchio di Matelica

I consigli

Al momento dell’acquisto, dovete controllare che le vongole abbiano un marchio a garanzia della freschezza e della provenienza. Fra i vari tipi di vongole è da preferire la vongola verace, che ha un gusto veramente particolare. Come la maggior parte dei prodotti del mare, le vongole vanno consumate entro un giorno dall’acquisto.

Pulire le vongole dalla sabbia è un’operazione che ritiene molta attenzione, ma non è difficile. Peraltro, è un’operazione necessaria, in quanto la presenza di residui di sabbia rischia di rovinare la buona riuscita del piatto. Prima di cucinarle, quindi, tenetele a bagno per due-tre ore in acqua a temperatura ambiente nella quale avrete sciolto un cucchiaino di sale ogni litro d’acqua, poi strofinate il guscio con uno spazzolino quindi eliminate l’acqua e, attenzione, buttate le vongole che non si sono aperte perché non sono buone. Solo dopo questo procedimento di spurgatura potete procedete alla preparazione del sugo.

Le vongole sono utilizzate in varie preparazioni: per primi piatti di pasta, di riso e di cereali, ma anche accompagnate alle verdure in particolare carciofi e zucchine, ma sono ottime anche da sole o miste alle cozze: una delizia!!! Gli spaghetti alle vongole sono oggi anche uno dei piatti obbligatori per il cenone di Natale e di Capodanno.

Lo sapevate che…

Le vongole non contengono molte calorie (72 Kcal per 100 g.) e sono a basso contenuto di grassi, perciò sono indicate nelle diete ipocaloriche. Sono ricche di vitamina A e contengono anche fosforo e potassio, indispensabili per le difese immunitarie del nostro organismo.

Photo Credit: aldaya_am via photopin cc