Armani e Gucci sostengono la lotta al Coronavirus con donazioni milionarie

I brand di moda più famosi in Italia continuano a mobilitarsi lanciando iniziative generose

Pubblicato il 27 marzo 2020

Per quanto riguarda il mondo della moda, Giorgio Armani è stato uno dei primi ad attivarsi per supportare la lotta al Coronavirus con una donazione di oltre un milione di euro agli ospedali Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori e Spallanzani.

La generosità di Re Giorgio non si è fermata lì tanto che il brand ha comunicato di dare il suo contributo anche all’ospedale di Bergamo, a quello di Piacenza e a quello della Versilia, arrivando quindi ad una donazione complessiva di due milioni di euro.

In più l’azienda ha voluto effettuare la conversione di tutti i propri stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare l’emergenza.

Anche Gucci ha voluto dare il suo contributo e lo ha comunicato con una lettera firmata dal Direttore Creativo Alessandro Michele e dal Presidente e CEO dell’azienda Marco Bizzarri: “Questa pandemia ci chiama a un compito inaspettato, ma è una chiamata alla quale rispondiamo con decisione, supportando il lavoro straordinario del personale sanitario, dei medici e degli infermieri. Sostenendoci a vicenda e aiutando quelli che tra noi sono più vulnerabili, saremo in grado di superare questa crisi: uniti, ancora più di prima“.

Il brand ha, così, dato il via a due iniziative importanti. La prima consiste in una donazione da un milione di euro al Dipartimento della Protezione Civile italiano con la creazione di nuovi posti letto in terapia intensiva in via prioritaria, attraverso la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo ForFunding e con la pagina web dedicata.

Per quanto riguarda il secondo progetto, Gucci ha deciso di contribuire alla donazione di un altro milione di euro al COVID-19 Solidarity Response Fund della Fondazione delle Nazioni Unite a sostegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso la campagna di Matchmaking lanciata da Facebook.

Visualizza questo post su Instagram

We Are All in This Together. Gucci stands with its global community to fight the #Covid19 pandemic by making two separate donations to crowdfunding campaigns. Locally, in Italy where the company is based, a 1 million euros donation to the Italian Civil Protection Department #DipartimentoProtezioneCivile in partnership with @intesasanpaolo’s #ForFunding platform to reinforce Italy’s health services and to source new ICU beds. Globally, Gucci donated 1 million euros to the United Nations Foundation’s Covid-19 Solidarity Response Fund in support of the World Health Organization @who through Facebook’s US$10 million Matching Fundraiser to monitor and collect data on the spread of the virus to strengthen ICUs across the world, supply protection equipment to health personnel and fast-track the creation of vaccines and therapies. The initiatives are captured in an original illustration gifted by Rome-based artist @mp5art, a person who holds their hand on their heart a message of human solidarity. “Gucci has created a world, open and free: a Gucci global community. We ask all of you to be the changemakers in this crisis, to stand together with us in the fight against the Coronavirus. We are all in this together,” say @alessandro_michele, Creative Director of Gucci, and #MarcoBizzarri, President and CEO of Gucci. Calling on our #GucciCommunity to join with us, give through our Donate Sticker on Stories to the United Nations Foundation’s Covid-19 Solidarity Response Fund in support of the World Health Organization @who, and on gucci.forfunding.it to donate to the Italian Civil Protection Department #DipartimentoProtezioneCivile. Discover more about the crowdfunding campaigns through link in bio. Starting from tomorrow, Gucci’s social channels will feature the official messages of @who to help spread useful information and prevention for the virus. #StaySafe #FlattenTheCurve

Un post condiviso da Gucci (@gucci) in data: