Armocromia: cos’è e quali sono i tuoi colori

La guida al metodo che permette di valorizzare viso e look identificando la propria palette

Pubblicato il 24 luglio 2020

Armocromia: deve il suo nome all’unione del termine armonia con la desinenza –cromìa, dal greco colore, colorazione, il metodo creato dalla consulente di immagine Rossella Migliaccio, che permette di identificare la palette di colori personale e conoscere le sfumature che valorizzano il viso.

Attraverso l’analisi del colore, in effetti, è possibile capire i propri colori e, di conseguenza, le tinte che li esaltano, evitando quelle che li mortificano. Saperlo è fondamentale per scegliere gli abiti e gli accessori, ma anche il colore dei capelli e del make-up, per creare un look armonioso e, secondo Rossella Migliaccio, “apparire immediatamente più belle, più in forma, più giovani”.

Gli altri risvolti e vantaggi pratici di una palette personalizzata grazie all’Armocromia, poi, sono facili da immaginare. È utile, infatti, per avere un guardaroba capsule coerente e per sessioni di shopping divertenti ed efficaci, senza pentimenti.

Armocromia: come funziona

L’Armocromia, va da sé, è un metodo altamente personalizzato. Tuttavia esistono regole generali per capire come funziona e quali sono i propri colori. Chi volesse, poi, approfondire, può leggere il libro Armocromia. Il metodo dei colori amici che rivoluziona la vita e non solo l’immagine di Rossella Migliaccio (Vallardi), prenotare la vostra seduta con l’autrice stessa presso il suo Italian Image Institute, o ancora imparare la tecnica con uno dei moduli del corso di Consulente di Immagine e Personal Shopper.

Il primo passo è capire se il tono e il sottotono della pelle siano caldi o freddi.

La pelle calda si riconosce perché anche in inverno non diventa mai bianchissima; se abbronzata è dorata; le vene sul braccio sono prevalentemente verdi; gli occhi sono verde oliva, ambrati, castano sottobosco; i capelli biondo o castano nelle versioni dorate o ramate.

La pelle fredda, invece, si riconosce perché abbronzata diventa color mattone, ma in inverno può essere molto bianca. Le vene sono soprattutto bluastre; gli occhi verde grigio o azzurro ghiaccio; i capelli castano cioccolato, biondo o castano cenere, castano-neri.

Le palette di colori

Dopo aver capito la tonalità, si può individuare la propria palette. Le palette sono divise in quattro grandi categorie, che prendono i nomi delle stagioni, per un accostamento ai colori della natura in quei periodo dell’anno. I quattro gruppi, poi, sono ulteriormente divisi in sedici sottogruppi. Quali sono i vostri colori?

Primavera

Sottotono: caldo

Valore: caldo

Intensità: alta

Una palette molto variegata, con colori caldi e luminosi che vanno dal beige/albicocca ai blu. Il tipo “primavera” deve evitare nero e grigio.

Estate

Sottotono: freddo

Valore: chiaro

Intensità: bassa

Bionde e castane chiare, che stanno molto bene con i colori pastello e polverosi e mal sopportano quelli caldi troppo energetici.

Autunno

Sottotono: caldo

Valore: scuro

Intensità: bassa

Tipi dal sottotono caldo, cui si abbina bene la palette dei boschi autunnali e delle spezie.

Inverno

Sottotono: freddo

Valore: scuro

Intensità: alta

In Itala la “stagione” più diffusa. Nella categoria si trovano le olivastre mediterranee, ma anche le castane cioccolato dalla pelle color porcellana.

I sottogruppi

Le stagioni sono, naturalmente, delle macro categorie. Per essere più specifici, è necessario approfondire studiando anche i sedici sottogruppi, quattro per ogni stagione.

All’interno di ogni gruppo ci sono donne particolarmente scure; particolarmente fredde; altre ancora che hanno un’elevata intensità e sono particolarmente brillanti”, spiega Rossella Migliaccio. “A questi tre sottogruppi, si aggiunge la palette pura: quella che racchiude in modo piuttosto omogeneo tutte le caratteristiche della stagione, in termini di sottotono, valore, intensità e contrasto”.

I sottogruppi di ciascuna stagione dell’armocromia sono:

  1. Primavera – Light (chiaro); Warm (caldo); Bright (brillante); Puro;
  2. Estate – Light (chiaro); Cool (freddo); Soft (tenue); Puro;
  3. Autunno – Deep (profondo); Warm (caldo); Soft (tenue); Puro;
  4. Inverno –  Deep (profondo); Cool (freddo); Bright (brillante); Puro.
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Abbinamenti
  • Abiti e vestiti