Justin Bieber e la dipendenza dalle droghe: “Stavo morendo”

La giovane popstar ha ammesso di aver toccato il fondo prima di prendere consapevolezza della gravità della situazione

Storia

Da qualche giorno Justin Bieber ha lanciato un documentario su Youtube in cui ha deciso di parlare a cuore aperto e condividere con i suoi fan le lunghe battaglie private che ancora sta affrontando.

Solo un mese fa l’idolo delle teenager aveva lanciato una dichiarazione choc rivelando tramite Instagram di essere affetto dalla malattia di Lyme, sindrome che lo aveva portato ad un periodo di forte depressione. Nell’ultima puntata del documentario Justin ha invece scavato nel suo passato facendo riferimento all’uso precoce di droghe.

Il cantante ha ammesso di aver provato per la prima volta la marijuana a soli tredici anni, momento in cui è diventato una star su Youtube. A quella dipendenza è seguita la somministrazione costante di funghetti allucinogeni e Purple Drank, una droga ricreativa composta da una mistura a base di sciroppo per la tosse con codeina e una bibita gasata.

Visualizza questo post su Instagram

New episode out. Episode 3 #JustinBieberSeasons

Un post condiviso da Justin Bieber (@justinbieber) in data:

Bieber attribuisce la colpa al successo precoce e alla mancanza di supporto da parte dalla famiglia: “È stata solo una via di fuga per me. Ero troppo giovane. Ho iniziato a valutare le cose in modo sbagliato. La verità è che non ho mai avuto gli strumenti per valutarle, i miei genitori non mi hanno mai dato quegli strumenti“.

Durante la puntata la giovane popstar ha ammesso di aver toccato il fondo prima di prendere consapevolezza della gravità della situazione e cominciare a disintossicarsi: “Stavo morendo. La gente non sapeva quanto la dipendenza fosse diventata seria. Era spaventoso“.

Visualizza questo post su Instagram

Love u tons bubz

Un post condiviso da Justin Bieber (@justinbieber) in data:

Fortunatamente quel brutto periodo è passato e adesso Bieber ha trovato il suo equilibrio anche grazie alla moglie Hailey Baldwin. Per scongiurare ricadute, le uniche terapie che continua ad utilizzare sono dei trattamenti di ossigeno in una camera ad alta pressione che servono ad alleviare i sintomi di astinenza da sostanze stupefacenti e riattivare i centri del piacere cerebrali.