Sanremo 2020: la classifica provvisoria dei Big dopo le prime esibizioni

Primo podio provvisorio del festival tutto al maschile: primo Francesco Gabbani, poi Le Vibrazioni e Piero Pelù, ultimo invece il rapper Junior Cally.

Pubblicato il 6 febbraio 2020

Il Festival di Sanremo è in primis una gara canora ma, come ormai noto a tutti, la vittoria della competizione non è sempre garanzia di una crescita delle vendite degli album o di biglietti dei concerti (o almeno non prolungata nel tempo). Tuttavia è alquanto difficile che gli artisti partecipino tanto per partecipare, d’altro canto stanno partecipando a un rito che si ripete ormai da 70 anni.

Ecco perché la prima classifica provvisoria, arrivata al termine della seconda serata, è così attesa dai Campioni. Ricordiamo che in questa fase i voti sono appannaggio della giuria demoscopica, che è composta da 300 persone.

A leggere uno dopo l’altro le posizioni della classifica sono stati le giornaliste Emma D’Aquino e Laura Chimenti, oltre alla cantante Sabrina Salerno e allo stesso conduttore Amadeus. Ecco dunque la prima composizione della classifica, che verrà ritoccata dopo le cover di Sanremo 70 e ancora in seguito alle esibizioni della quarta serata, in attesa della finalissima:

  1. Francesco Gabbani – Viceversa
  2. Le Vibrazioni – Dov’è
  3. Piero Pelù – Gigante
  4. Pinguini tattici nucleari – Ringo Starr
  5. Elodie – Andromeda
  6. Diodato – Fai rumore
  7. Irene Grandi – Finalmente io
  8. Tosca – Ho amato tutto
  9. Michele Zarrillo – Nell’estasi o nel fango
  10. Levante – Tikibombom
  11. Marco Masini – Il confronto
  12. Alberto Urso – Il sole ad est
  13. Giordana Angi – Come mia madre
  14. Raphael Gualazzi – Carioca
  15. Anastasio – Rosso di rabbia
  16. Paolo Jannacci – Voglio parlarti adesso
  17. Achille Lauro – Me ne frego
  18. Enrico Nigiotti – Baciami adesso
  19. Rita Pavone – Niente (Resilienza 74)
  20. Riki – Lo sappiamo entrambi
  21. Elettra Lamborghini – Musica (e il resto scompare)
  22. Rancore – Eden
  23. Bugo e Morgan – Sincero
  24. Junior Cally – No grazie

A guidare la classifica è dunque Francesco Gabbani, il cantante che si era imposto già nel 2017 con Occidentali’s Karma, tra l’altro dopo aver vinto l’anno primo tra le Nuove Proposte con il brano Amen (record assoluto in quanto primo cantante nella storia del festival ad aver vinto consecutivamente nelle due categorie). Almeno ragionando a livello statistico difficile pensare che possa portare a casa un’altra vittoria.

Il resto del podio, tutto al maschile, è occupato dal rock de Le Vibrazioni e quello di Piero Pelù, ma hanno fatto bene anche le sorprese Pinguini tattici nucleari, nonché Elodie e Diodato. Come prevedibile alla giuria non è piaciuto né il rap di Junior Cally – un’ultima posizione annunciata, la sua – né il twerking selvaggio di Elettra Lamborghini, così come i versi di Rancore e l’inedita collaborazione tra Bugo e Morgan.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Festival di Sanremo