Come prendersi cura dell’intestino pigro? Si tratta di una patologia di cui sempre più persone soffrono legata anche ai ritmi frenetici della vita quotidiana e allo stress. Troppo spesso il problema viene risolto facendo ricorso ad un lassativo ma in questo modo non si risale alla causa e non si risolve il problema, semplicemente lo si rimanda.

Sono proprio le donne le più colpite dalla sindrome dell’intestino pigro. Cerchiamo quindi di capire quali sono i fattori scatenanti di questo disturbo e come prendersene cura per cercare di risolverlo in maniera definitiva. Tra le cause principali della stitichezza troviamo un’alimentazione errata e lo stress, e proprio da questi elementi occorre partire per superare il problema.

=>LEGGI anche: come combattere la stitichezza

Una dieta che prevede un eccessivo consumo di carne e zuccheri semplici raffinati e l’assunzione di poca acqua può contribuire alla comparsa del problema, mentre una alimentazione ricca di frutta, verdura, semi acqua e fibre come la crusca, le verdure e la frutta svolge un’azione positiva e stimolante sul buon funzionamento del transito intestinale.

Esistono poi dei rimedi naturali come tisane ed infusi a base di malva, utile anche nella prevenzione della colite e diverticolosi, o anche il rabarbaro, il boldo, la frangola, il tarassaco, l’aloe e la senna. Ecco un esempio di tisana dall’effetto blandamente lassativo: 40 gr. di corteccia di frangula, 40 gr. di seme di lino integro, 40 gr. di anice stellato e 10 gr. di liquirizia per infuso.

=>LEGGI anche: dieta mediterranea e sport contro la stitichezza

Infine uno stile di vita più salutare e rilassato aiuta a tenere lontano lo stress e conseguentemente riduce anche il rischio di soffrire di stipsi. Qualora questi accorgimenti naturali non bastassero occorre rivolgersi ad un medico per determinare le origini del problema ed intervenire con l’uso di farmaci lassativi che non possono essere assunti di propria iniziativa in quanto possono causare spiacevoli effetti collaterali e controindicazioni.

Nei casi più gravi che secondo gli ultimi dati raccolti interessano ben il 10, 15% del totale delle persone che soffrono di intestino pigro, si può ricorrere ad un intervento chirurgico non invasivo, ormai collaudato e ritenuto molto efficace, rapido e poco doloroso, già in atto presso molti centri pubblici italiani e in grado di risolvere il problema definitivamente.

=>LEGGI anche: riattivare l’intestino pigro con l’alimentazione corretta