La morte tragica della giovane stella del cinema in ascesa Heath Ledger continua a fare in qualche modo notizia: a quasi 9 anni dal giorno in cui il corpo nudo dell’attore fu ritrovato nel suo appartamento di Soho, a New York, il padre rivela quali sono state le ultime parole di Heath Ledger per la sua famiglia.

Kim Ledger, il padre del divo australiano che deve a Hollywood il suo successo ma anche lo stress che in qualche modo lo ha spinto alla morte, ha raccontato infatti al Daily Mail Australia i dettagli di una conversazione tra Heath e sua sorella risalente alla notte precedente al decesso (avvenuto il 22 gennaio 2008 con probabilità tra le 13 e le 14,45): “Sua sorella ha parlato al telefono con lui la notte prima per dirgli di non prendere altri farmaci prescritti insieme ai sonniferi”. Heath Ledger, prosegue il padre, avrebbe risposto: “Katie, Katie, sto bene. So quello che sto facendo”.

Parole vane: il giorno dopo l’attore moriva a soli 28 anni, e il rapporto tossicologico pubblicato dopo la sua morte ha rivelato che la causa del decesso era da ritenersi “intossicazione acuta provocata dagli effetti combinati di ossicodone, idrocodone, diazepam, temazepam, alprazolam e doxilamina”. Il padre ha poi spiegato: “Era un ragazzo giovane che ha viaggiato moltissimo a causa del suo lavoro. Negli due anni non ha quasi mai dormito, stava cercando di fare carriera, di spostarsi e fare tutto il possibile in un breve lasso di tempo”.

Lo stesso Heath Ledger aveva precedentemente rivelato come in particolar modo il ruolo di Joker in The Dark Knight (per la cui interpretazione ha ricevuto un Oscar postumo), “uno psicopatico, un serial killer, un pagliaccio schizofrenico senza empatia”, gli avesse in qualche modo fatto “pagare pegno” e, di conseguenza, lui aveva difficoltà nel dormire. Nel 2007 aveva anche dichiarato al New York Times: “La settimana scorsa ho dormito probabilmente una media di due ore a notte… Non riuscivo a smettere di pensare. Il mio corpo era esausto, e la mia mente continuava ad andare avanti”.

Insomma un personaggio sensibile, forse influenzabile, che lascia un vuoto nell’ultima generazione di attori hollywoodiani di talento ma anche una figlia, la piccola Matilda Rose, nata dall’amore con Michelle Williams, conosciuta sul set de I segreti di Brokeback Mountain.