Tra le scelte più importanti in vista delle nozze c’è la definizione del menu di matrimonio da parte dei futuri sposi. Le scelte possono essere diverse e variano molto anche a seconda della location prescelta: in alcuni casi, infatti, ville o agriturismi mettono a disposizione un servizio di catering con il quale definire il menu, mentre in altri toccherà agli sposi rivolgersi autonomamente a un catering esterno.

Al di là dei gusti personali, molto diversi, una scelta sicuramente raffinata è puntare su un menu di pesce, un’alternativa molto in voga negli ultimi anni. In generale, il consiglio è prediligere ricette semplici ma chic e dunque i piatti tipici della tradizione italiana rivisitati però in chiave gourmet.

E il sushi? Anche il pesce crudo di sta affermando sempre più spesso nei banchetti di nozze ma è bene tenere presente che potrebbe non incontrare i gusti di tutti gli invitanti e che richiede una preparazione rigorosa per garantire la massima freschezza.

Su quali piatti dunque puntare per un menu di matrimonio a base di pesce indimenticabile?

Ecco alcune proposte.

  • Antipasti. Si comincia naturalmente dagli antipasti che devono rispettare la stessa linea. Via libera allora a  un abbinamento classico ma raffinato come una battuta di tonno e arance o ancora con del salmone marinato. Tra le altre proposte, un’insalata di polpo con verdure croccanti, scampi alla catalana e capesante gratinate.
  • Primi. Come primo si può puntare sui classici piatti della tradizione, come linguine alle vongole e zucchine ma anche tagliatelle all’astice. Anche un risotto di pesce può essere una valida alternativa: tra le ricette ever green che si prestano anche al banchetto di nozze, il risotto al nero di seppia o, più ricercato, il risotto la basilico con zenzero e capesante.
  • Secondi. Come secondo sì all’abbinamento pesce e verdure. Cernia in crosta di zucchine, pescatrice alla ligure, con pesto, olive e fagiolini o ancora pesce spada alla livornese, sono ricette tradizionali solitamente molto apprezzate e che possono essere rielaborate con un tocco gourmand per il pranzo di matrimonio.
  • I vini. Grande attenzione deve essere data alla scelta dei vini da servire. Un menu di pesce, infatti, si sposa bene con i bianchi, tra cui il il classico Chardonnay, il Vermentino o un Bianco di Custoza. I secondi di pesce possono essere accompagnati anche da vini rosati decisi, come quelli salentini.
  • Dopo i secondi è meglio evitare i formaggi, dal sapore decisamente troppo forte per un pranzo o una cena a base di pesce e passare direttamente al dessert o far servire un sorbetto fruttato.

I costi?

Va da sé che la scelta del menu di pesce implica costi maggiori rispetto a un menu a base di carne: in linea di massima, non si dovrebbe scendere sotto i 100 euro a persona.

Leggi anche: Fiori da matrimonio: le tendenze 2018 | Abiti da sposa 2018: tendenze e collezioni