La separazione di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti, che nei primi anni Duemila tutti consideravano come la più bella coppia del mondo dello spettacolo in Italia, è sempre stata tinta di mistero. Sono state tante le voci e i pettegolezzi venuti a galla nel corso degli anni ma solo oggi, alla luce dei fatti trascorsi e delle dichiarazioni raccolte con il tempo, quel chiacchieratissimo divorzio può apparire finalmente più chiaro.

Inizialmente la colpa fu data all’attaccamento morboso della Hunziker a quello che fu ribattezzato come il “clan Berghella“, che faceva capo alla pranoterapeuta Giulia Berghella. Così come raccontò la mamma della showgirl, Ineke, in un’intervista al “Messaggero”, Michelle per un lungo periodo fu molto condizionata dalla Berghella ma, all’epoca, la storia con Ramazzotti era già finita da un po’. Il cantante non condivideva che la figlia Aurora trascorresse troppo tempo con la pranoterapeuta ma di sicuro l’amore con Michelle era già agli sgoccioli.

Nel 2005, tre anni dopo la separazione, fu invece la showgirl a scagliarsi contro l’ex marito lanciando un’invettiva precisa sul “Corriere della Sera”:

Ho letto che il mio ex marito avrebbe chiesto ai suoi legali di studiare una strategia per ottenere l’affidamento di Auri. Attendevo una smentita, che non c’è mai stata. Allora io voglio mandare un messaggio ben preciso a Eros e ai suoi avvocati. Se non la smette di sfruttare ogni movimento della mia vita privata per farsi pubblicità e per diffondere gravi diffamazioni sul mio conto procederò legalmente in maniera dura. Intendo difendere il rapporto tra me e mia figlia. Se Eros continuerà a esasperarmi, finirò con il dire il vero motivo per il quale ci siamo lasciati.

Questo motivo, in realtà, poi non fu mai rivelato, ma successivamente Eros ha voluto anche smentire le voci secondo le quali avrebbe fatto di tutto per tornare con l’ex moglie. La sua intenzione era, addirittura, quella di lasciare l’Italia, così come dichiarò al settimanale “Panorama”:

Ho sopportato tanto perché c’era mia figlia di mezzo, altrimenti mi sarei chiuso in me stesso e me ne sarei andato a vivere in America. Invece, ho lasciato la casa in campagna dove abitavamo e sono tornato a vivere a Milano, in mezzo alla gente e a tutte le idiozie che si dicevano e si scrivevano su di noi […]. Non sarei mai riuscito a tornare sui miei passi. Dopo la fine della nostra storia ero lacerato e distrutto.

Nonostante il dolore, il cantante solo più tardi è riuscito a riprendere in mano la sua vita e nel 2013 ha voluto assumersi tutte le colpe per quella separazione sofferta, senza infangare mai il nome della Hunziker, così come dichiarò a “Sette”:

La mia maledizione è stata incontrare troppo spesso gente sbagliata. A un certo punto, quando ormai è troppo tardi, capisci che potevi fare di più, in senso artistico e umano. Da me non sentirete una parola negativa su Michelle. A volte ho peccato di troppa sicurezza, ho fatto lo ‘sborone’. Il fondo l’ho toccato nel 2001. Pensavo di avere in mano tutto e non avevo in mano niente. Ero diventato uno spendaccione, a mia insaputa. Lì ho capito che il tuo vero patrimonio è dato dall’amore della gente. Se non hai quello non hai nulla.