Le coppie sono oggi molto cambiate rispetto a un tempo. I ruoli non sono più quelli del passato: le donne non sono più subordinate all’uomo, sono economicamente indipendenti, moralmente forti, si districano tra diverse attività e interessi, tanto che qualcuno crede che siano ormai loro a dominare il mondo. Ma cosa cambia nel sesso e nell’erotismo? In un rapporto di coppia, ma anche nella società civile, non dovrebbe esistere il predominio tra l’uno o l’altro sesso, ma la parità. Nella coppia, in particolare, un rapporto si alimenta proprio perché si è alla pari, c’è stima reciproca e anche rispetto, oltre che amore profondo.

=> Scopri il sesso ai tempi di Facebook

Però, nel sesso e nell’erotismo, alcuni giochi di ruolo possono rivelarsi interessanti, anche se non costituiscono una realtà di coppia: in altre parole, la parità resta all’interno del rapporto d’amore, ma si gioca con il sesso per renderlo più piacevole e interessante. Questo però riguarda solo due persone che hanno deciso un ruolo all’interno della loro relazione a letto: ma cosa accade quando in generale la donna è dominante anche nella società e questo potrebbe fare anche paura all’uomo?

=> Scopri i segreti del sesso imbarazzante

All’inizio potrebbe anche essere la donna a temere di avere un ruolo dominante: si ha paura talvolta di chiedere cosa si preferisce, ma non è detto che questo potrebbe essere negativo, perché aiuterebbe l’uomo a sentirsi più desiderato e più apprezzato. Naturalmente il tatto va sempre usato: alcuni uomini potrebbero essere suscettibili in tal senso e questo si può ovviare con un misto di decisione ed estrema gentilezza.

Inoltre, essere una donna impegnata non significa mettere il sesso in secondo piano. Bisogna dimenticarsi a volte del proprio senso del dovere, almeno quando si è fuori dal proprio ufficio e concentrarsi sul bello che l’amore fisico, oltre che spirituale, può riservare a una coppia. E bisogna far sempre partecipe l’uomo del processo creativo fra le lenzuola: anche lui deve essere consapevole che chiedere ed essere una donna indipendente non costituiscono una minaccia per lui. Non è una gara, non c’è chi vince e chi perde. O meglio, si tratta di una gara molto particolare: si vince sempre in due.

Fonte: Sheknows.