Ricetta savarin di salmone

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:

45 MINUTI

PER PORZIONE:

CALORIE 320

PREPARAZIONE

Fate saltare i gamberetti per 4 minuti in 30 grammi di burro con lo scalogno e il prezzemolo tritati finemente, salateli, pepateli e fateli raffreddare. Frullate il salmone e i filetti di sogliola, aggiungete l’uovo, metà della panna, sale, pepe e continuate a frullare ancora per una quindicina di secondi.

Mescolate i gamberetti con la panna rimasta, il succo di mezzo limone e le olive snocciolate e tagliate a pezzettini.

Amalgamate bene utilizzando un cucchiaio di legno.

Imburrate 4 stampini da creme caramel; distribuite i gamberetti e il composto di salmone.

Coprite con un foglietto di carta d’alluminio imburrata e mettete in forno caldo a 180 gradi per una trentina di minuti.

Servite i piccoli savarin sformati; a piacere si possono accompagnare con un cuolis di pomodoro ottenuto frullando 2 o 3 pomodori con due cucchiai di olio, 3 foglie di basilico, succo di limone, sale e pepe.

In tal caso il coulis andrà versato sul fondo del piatto prima di mettervi lo sformatino.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

150 g. di salmone fresco

100 g. di gamberetti sgusciati

30 g. di burro

1 ciuffetto di prezzemolo

1 scalogno

100 g. di filetti di sogliola

1 uovo

½ limone

70 g. di olive nere

sale – pepe

VINI CONSIGLIATI

COLLIO GORIZIANO O COLLIO (VENEZIA GIULIA)

CASTEL TAGLIOLO (Piemonte)

CERVETERI BIANCO (Lazio)

COLLIO GORIZIANO O COLLIO (VENEZIA GIULIA)

Derivato da un uvaggio di Ribolla gialla. Tocai e Malvasia, ha un profumo brioso e un sapore asciutto, fresco e vivace, colore paglierino più o meno intenso, profumo neutro, gradazione alcolica di 11/12°. Va servito a 10° circa con piatti di PESCE ed è indicato con i FRUTTI DI MARE E LA TROTA.

CASTEL TAGLIOLO (Piemonte)

Vino tipico ottenuto con uve Cortese e, in minima parte, con altre uve, si presenta con un colore giallo paglierino e ha un profumo delicato e caratteristico; il sapore è asciutto e fresco; la gradazione alcolica si aggira attorno agli 11°. Servire come vino da tutto pasto e in particolare con antipasti magri, pesci in bianco, rane, lumache e anguille. Temperatura di servizio 10/12° circa.

CERVETERI BIANCO (Lazio)

Ci troviamo, come zona di produzione, nei comuni di Civitavecchia. Tarquinia, Roma e Viterbo. Il colore è giallo paglierino, profumo accentuato, sapore asciutto e leggermente abboccato, armonico, pieno (con un fondo leggero di amaro). La gradazione si aggira attorno agli 11,5/12,5° e va servito a 14° circa. Accompagna un pasto normale ed è consigliato con il PESCE.