Oscar 2020: chi sono le candidate come miglior attrice

A contendersi il premio sono cinque attrici molto diverse, sia per età che per il percorso che le ha portate alla nomination.

Pubblicato il 7 febbraio 2020

Sarà una lotta all’ultimo voto quella che agli Oscar 2020 interesserà la sezione delle migliori attrici protagoniste. A differenza della corrispettiva categoria maschile, dove i giochi sembrano ormai essere fatti e Joaquin Phoenix parrebbe essere il vincitore designato (ma le sorprese sono dietro l’angolo), la sfida tra le donne del cinema sarà paritaria.

Vediamo dunque chi sono le interpreti che la notte di domenica 9 febbraio 2020 potrebbero portare a casa la tanto ambita statuetta.

Scarlett Johansson: 35 anni e già una carriera sfolgorante che l’ha vista nel 2018 eletta attrice più pagata al mondo. Vincitrice di un Bafta e di un Tony Award, ha esordito al cinema sin da piccola, con ruoli di primo piano in film come L’uomo che sussurrava ai cavalli. In età adolescenziale si fa notare in Ghost World e L’uomo che non c’era, ma la sua fama esplode non solo grazie alla sua bellezza, ma anche alle interpretazioni in film come La ragazza con l’orecchino di perla, Lost in Translation e Match Point. Ormai diventata una star ha consolidato il suo potere hollywoodiano entrando a far parte del team degli Avengers nella fortunata saga della Marvel. Agli Oscar gareggia in due categorie, sia per il ruolo da protagonista in Storia di un matrimonio che in quello secondario in Jojo Rabbit.

Saoirse Ronan: la contendente più giovane di quest’anno con i suoi 25 anni, è uno dei rari casi di giovani promesse della recitazione poi effettivamente mantenute. Irlandese dal nome impronunciabile, è stata lanciata da Peter Jackson con il thriller Amabili resti, ma già nel 2007 si era fatta notare nel melodramma bellico Espiazione, che le è valso anche una candidatura agli Oscar. Si ricordano con piacere anche i ruoli in L’ospite di Andrew Niccol, tratto da un romanzo di Stephenie Meyer, e quelli in Grand Budapest Hotel e Brooklyn, fino ad arrivare a Lady Bird, prima regia di Greta Gerwig che l’ha voluta nuovamente per il suo Piccole donne, per cui gareggia agli Oscar 2020.

Charlize Theron: di origine sudafricana, da giovanissima subisce il trauma della testimonianza della morte del padre, ucciso per legittima difesa dalla moglie che stava per aggredire. Grazie all’innata eleganza e al bel portamento diviene velocemente una modella, per poi passare al mondo della danza. Un incidente però la porta a cimentarsi nella recitazione. A lanciarla è l’infernale thriller L’avvocato del diavolo, per poi passare a La moglie dell’astronauta, e La leggenda di Bagger Vance. Non disdegna però i ruoli da dura, come dimostra l’Oscar vinto per Monster, in cui si imbruttisce nei panni di una serial killer, e la svolta action rappresentata da Prometheus, Mad Max: Fury Road, Il cacciatore e la regina di ghiaccio, Fast & Furious 8 e Atomica bionda. L’Academy l’ha nominata per la sua prova in Bombshell – La voce dello scandalo.

Renee Zellweger: nella cinquina probabilmente la favorita, in quanto la sua prova in Judy è tutto ciò che piace ai membri degli Academy. Dopo una lunga gavetta è con Jerry Maguire, La voce dell’amore e Betty Love che l’attrice arriva al grande pubblico, ma sarà il ruolo di Bridget Jones a renderla la star che è adesso. Un’altra fiammata di fama deriva dal musical Chicago e da Ritorno a Cold Mountain; dopo due Golden Globe e un Oscar come miglior attrice non protagonista decide di ritirarsi per un po’ dalla scene, per poi tornare appunto con Judy, sua quarta nomination da protagonista.

Cynthia Erivo: sicuramente l’outsider del lotto, la 33enne attrice inglese è sopratutto nota come cantante e attrice di teatro, avendo raccolto molti consensi sul palcoscenico. Il suo debutto al cinema si deve a due film crime-drammatici come 7 sconosciuti a El Royale e Widows – Eredità criminale, per poi arrivare a Harriet, biopic dell’attivista Harriet Tubman che ha combattuto per l’abolizionismo della schiavitù, film che le è valso anche una nomination per la miglior canzone, Stand Up.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Oscar