Oscar 2020: tracollo di spettatori, è stata la cerimonia meno vista di sempre

Trend negativo nonostante l'assenza di un presentatore e la durata lunga ma non eccezionale di 3 ore 3 35 minuti; a pesato la prevedibilità dei premi.

Pubblicato il 11 febbraio 2020

Nonostante la vittoria inaspettata di Parasite, almeno per quanto riguarda il numero e la tipologia di premi, la notte degli Oscar 2020 ha fatto segnare un record negativo che sicuramente impensierirà l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

Sono stati circa 23,6 milioni gli spettatori che hanno guardato la 92esima edizione della kermesse, e nonostante si tratti dello show più visto nella stagione dei premi (si contano 5 milioni in più rispetto a Grammy e Golden Globe) nondimeno ciò ha reso questa annata la meno vista di sempre, nella sua lunga storia.

Neanche la prospettiva di una cerimonia senza un presentatore ufficiale ha convinto gli spettatori a seguire la premiazione, solitamente molto lunga e tortuosa (anche se probabilmente non come lo è stato il 70esimo Festival di Sanremo): in tutto la trasmissione è durata 3 ore e 35 minuti.

La tendenza in realtà è completamente speculare a quella dell’anno scorso, quando la scelta di non avere un presentatore creò un balzo positivo dell’11%, raggiungendo 29,6 milioni di spettatori. Ma il precedente trend negativo si ebbe nel 2018, quando gli Oscar vennero condotti da Jimmy Kimmel e furono visti da 26.5 milioni.

A scontentare il pubblico la prevedibilità dello show e delle premiazioni ad attori come Brad Pitt, Laura Dern, Joaquin Phoenix e Reneé Zellweger, ampiamente annunciati. Quel che è certo che è la disaffezione verso gli Oscar non è una tendenza recente: solo 20 anni fa la cerimonia raggiungeva 46 milioni di persone, praticamente il doppio rispetto a quest’anno.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Oscar