[INFORICETTA]

Ricetta risotto alla bella giardiniera

TEMPO DI PREPARAZIONE 15 MINUTI
TEMPO DI COTTURA 50 MINUTI

PER PORZIONE
CALORIE: 160
PROTEINE: 8 g.
GRASSI: 7 g.
CARBOIDRATI: 20 g.

PREPARAZIONE
Mondate i carciofi privandoli delle foglie più dure, delle punte e dei gambi, lavateli in acqua fredda acidulata con succo di limone, sgocciolateli, tagliateli a spicchi (otto parti).
In una casseruola antiaderente, mettete i carciofi, i piselli, la cipolla tritata e l’olio, fate appassire per alcuni secondi le verdure, mescolando con un cucchiaio di legno. Bagnate con mezzo bicchiere d’acqua.
Eliminate la seconda pelle delle fave e i filamenti del sedano, lavatelo con cura in acqua fredda, tagliatelo a fettine, uniteli ai carciofi. Regolate di sale.
Continuate la cottura a calore moderato e pentola coperta per circa 30 minuti.
Contemporaneamente portate ad ebollizione abbondante acqua leggermente salata; quando avrà raggiunto il bollore gettatevi il riso.
Scolatelo al dente, versatelo in un piatto di portata caldo, conditelo con le verdure, spolverizzatelo di parmigiano reggiano grattugiato e una grattugiata di pepe.
Servite subito.

CONSIGLIO: potete preparare le verdure in anticipo e conservarle in un recipiente di vetro con chiusura ermetica in frigorifero. Prima di utilizzarle scaldatele a bagnomaria o nel forno a microonde.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI
200 g. di riso – 150 g. di fave fresche sgranate
120 g. di piselli freschi sgranati – 260 g. di carciofi
100 g. di sedano – 50 g. di cipolla
60 g. di parmigiano reggiano grattugiato – 30 g. d’olio d’oliva
succo di mezzo limone – sale – pepe

VINI CONSIGLIATI
LAMBRUSCO DI SORBARA – ORVIETO (Umbria)

LAMBRUSCO DI SORBARA
Aree di produzione: Emilia Romagna pr. Modena, caratteristiche: vivace abbinamento consigliato: TUTTO PASTO, colore: rosso rubino o granato di varie intensità, odore: gradevole ricorda la violetta, vitigni: lambrusco di sorbara (60%-100%) lambrusco salamino (0-40%), sapore: di corpo fresco sapido armonico asciutto/semiasciutto/amabile/dolce, gradazione alcolica minima 10,5°.

ORVIETO (Umbria)
Ecco un altro vino di fama internazionale ottenuto sui verdi colli che circondano il comune di Orvieto, in provincia di Terni: Colore: giallo paglierino dorato; profumo: accentuato e caratteristico; sapore: secco ma anche rotondo. Gradazione alcolica 12/12,5° e temperatura di servizio 10/12°. Il tipo “secco” è consigliabile con un’infinità di piatti, l’abboccato accompagna minestre, vellutate, gelatine, ecc.

Articolo originale pubblicato il 9 febbraio 2012

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Ricette con riso
  • Risotto