Durante la Pasqua è usanza nel nostro paese preparare dolci particolari legati alla tradizione tanto da diventare spesso i veri protagonisti di questo periodo. Oltre alle comuni uova di cioccolato che oramai possono essere acquistate ovunque, l’Italia vanta molte ricette antiche di origini popolari e casalinghe con ingredienti che variano a seconda delle zone in cui sono prodotti.

Galleria di immagini: Dolci di Pasqua tradizionali

Dalla Pastiera napoletana tipica della Campania, alla classica Colomba fino alla Cassata Siciliana i dolci pasquali, così come vuole la tradizione cristiana, sono solitamente consumati tra la domenica di Pasqua e il lunedì di Pasquetta per festeggiare la resurrezione di Gesù.

Di seguito cinque ricette di dolci di Pasqua tradizionali da realizzare a casa per stupire gli ospiti.

Colomba

In una ciotola impastate 50 g di farina con 30 g di acqua tiepida e 10 g di lievito di birra quindi fate lievitare fino al raddoppio del volume. Nell’impastatrice unite 200 g di farina Manitoba con 100 g di zucchero, un uovo, la buccia grattugiata di un limone e di un’arancia, i semini di una bacca di vaniglia, un pizzico di sale e  il lievitino preparato in precedenza. Impastate alcuni minuti e unite 80 g di burro e 55 ml di latte tiepido. Continuate a impastare per circa 20 minuti finché l’impasto non sarà liscio ed elastico. Formate un palla e fate lievitare al caldo per due ore. Riprendete quindi l’impasto e uniteci 5 0g di farina Manitoba, un uovo, 75 g di burro morbido a pezzetti, 50 g di canditi, 50 g di uvetta passata fatta rinvenire in poca acqua e un bicchierino di rum. Impastate nuovamente quindi dividete l’impasto in due parti stendetele leggermente e arrotolatele su se stesse. Ponete quindi l’impasto nello stampo da colomba intrecciandole tra loro e fate nuovamente lievitare fino al raddoppio. Spennellate la superficie con una glassa preparata tritando 50 g di mandorle con 50 g di nocciole e un albume. Spolverizzate con granella di zucchero e mandorle a lamelle quindi infornate a 160 °C per un’ora. Sfornate e fate raffreddare il dolce prima di servirlo.

 Pastiera napoletana

In un pentolino cuocete 250 g di grano precotto con 20 g di burro e 50 ml di latte finché quest’ultimo non si sarà del tutto assorbito. Lavorate a crema 350 g di ricotta con due uova, 100 g di zucchero e un pizzico di cannella. Aggiungete quindi 80 g di arance e cedro canditi e il grano cotto in precedenza. Mescolate bene per far amalgamare gli ingredienti. Foderate con 300 g di pasta frolla uno stampo da pastiera tagliando la pasta in eccesso. Versate la farcia, livellate e coprite con le listerelle di pasta avanzata. Cuocere in forno a 180 °C per un’ora. Servire fredda cosparsa con poco zucchero a velo.

Pizza di Pasqua

Sciogliete 40 g di lievito di birra in 100 g di latte a temperatura ambiente. Aggiungete 100 g di farina e impastate. Coprite con un panno e fate lievitare fino al raddoppio. In una ciotola capiente sbattete 4 uova con 120 g di zucchero aggiungete quindi 400 g di farina, la buccia di un’arancia e di un limone grattugiati, 100 g di canditi, un cucchiaino di cannella, un pizzico di noce moscata e un bicchierino di liquore a piacere. In ultimo unite 100 g di burro a pezzetti e il lievitino preparato in precedenza. Lavorate a lungo fino ad ottenere un impasto liscio quindi trasferitelo in uno stampo dai bordi altri ben imburrato. Fate lievitare il dolce ancora per due ore finché non sarà bello gonfio. Infornate a 190 °C per 50 minuti. Sfornate e fate raffreddare prima di servire.

Pinza triestina

Stemperate in una ciotola 70 g di lievito di birra con ½ litro di latte tiepido e qualche cucchiaio di farina. Impastate e lasciate lievitare fino al raddoppio. In una ciotola capiente unite 1 kg di farina, 6 uova, 2 albumi, 300 g di zucchero, un pizzico di sale, 250 g di burro molto morbido, una fialetta di aroma di vaniglia e un bicchierino di rum. Impastate e unite anche il lievitino preparato in precedenza. Lavorate energicamente con le mani fino a ottenere una pasta liscia e morbida. Fate lievitare al caldo per un’ora. Riprendete quindi l’impasto e dividetelo in quattro parti che disporrete attaccate su una placca rivestita con carta da forno. Fate lievitare ancora un’ora quindi spennellate tutta la superficie con un tuorlo d’uovo e incidete il centro con taglio a forma di Y. Infornate a 160 °C per 45 minuti. Servite la pinza tiepida o fredda.

Cassata siciliana

Setacciate finemente 750 g di ricotta e lavoratela con le fruste elettriche assieme a 200 g di zucchero fino ad ottenere una crema liscia. Unite 50 g di scorzette di arancia candita e 50 g di gocce di cioccolato. Mescolate e mettete in frigo a rassodare. Foderate con un pan di Spagna di circa 400 g uno stampo da cassata rotondo. Bagnate sia la base che i lati con uno sciroppo di acqua zucchero e maraschino. Riempite con la farcia alla ricotta premendo bene. Coprite con altro pan di Spagna e ponete a riposare in frigo per 12 ore. Passato il tempo sfornate il dolce su un piatto da portata spennellate la superficie con poca marmellata di albicocche e ricoprite con 150 g di pasta di mandorle modellabile di colore verde. Decorate con glassa e pezzi di frutta candita a piacere.