Come abbinare scarpe e pantaloni

Abbinare calzature e pantaloni non è difficile una volta scoperte le "regole" per creare un look chic e equilibrato: i consigli della redazione

Pubblicato il 24 settembre 2020

Capire una volta per tutte come abbinare scarpe e pantaloni significa sapersi destreggiare tra look diversi senza errori di stile e, soprattutto, senza perdere minuti preziosi davanti allo specchio provandone diverse paia fino a scegliere quelle giuste.

Non vi stiamo, naturalmente, dicendo che non potrete più mettere le vostre décolleté preferite sotto ai jeans o le sneakers con il tailleur. E nemmeno che rinunciate a pantaloni e scarpe di tendenza. Anzi, nell’armadio non possono mancare Mom jeans e pantaloni larghi, stivaletti per tutti i giorni e eleganti slingback. Tutto è possibile, è semplicemente una questione di equilibrio (o, come ci piace ancora chiamarlo in redazione, di gusto!). Per costruire un look chic è necessario sempre partire dai propri gusti, tenendo a mente che più l’outfit è semplice ed equilibrato, meno colori si scelgono, più è sicuro che il risultato finale sia appunto fine, equilibrato, sofisticato.

Come abbinare scarpe e pantaloni? Per farlo bisogna prendere in considerazione diversi aspetti. Ecco alcune semplici regole di cui fare tesoro.

Come abbinare scarpe e pantaloni: le regole

Le regole o meglio le indicazioni e i consigli per gli abbinamenti riguardano forme e volumi, con lo scopo di rendere più armoniosa la figura.

  1. Meghan Markle omaggia ancora Lady Diana
    Meghan Markle (foto Getty Images)

    Forma dei pantaloni e scelta delle scarpe. Dal pantalone a palazzo più largo al pantalone skinny, è fondamentale raggiungere un elemento di equilibrio. I pantaloni larghi hanno bisogno di una scarpa più corposa, quelli meno voluminosi di una calzatura più sottile come uno stiletto o una ballerina. I pantaloni corti stanno bene con un tacco più alto (in quanto rischiano di far sembrare la figura più corta).

  2. Forma del tacco e scelta della scarpa. La forma del tacco dovrebbero essere correlata alla larghezza dell’orlo dei pantaloni. Più stretto è l’orlo dei pantaloni, più sottile è opportuno sia il tacco. Per esempio, i tacchi a spillo e i tacchi a stiletto funzionano molto bene con pantaloni dal taglio slim e dritto. Al contrario, le scarpe con zeppa stanno meglio con gambe ampie e svasate.
  3. Kate Middleton sceglie gli orecchini di Diana
    Kate Middleton (foto Getty Images)

    Tipo di fisico e scarpe. Scegliere i pantaloni giusti in base alla forma del corpo vuol dire valorizzarla al massimo, mettendo l’accendo sui suoi pregi e “nascondendo” i difetti. Per bilanciare i fianchi larghi, un pantalone stretto con una gamba sottile può essere abbinato a una scarpa leggermente più voluminosa, come uno stivale al ginocchio. Se avete i fianchi più stretti, scegliete un pantalone a gamba larga o un pantalone di colore più chiaro e poi abbina un colore di scarpa simile con gambe corte, oppure un colore di scarpa alternativo se le gambe sono slanciate.

  4. Lunghezza della gamba e scarpa. Se siete basse di statura o avete gambe poco slanciate, valorizzatele con pantaloni lunghi dalla gamba dritta e tacchi alti. Anche la zeppa è un ottimo “trucco” per dare slancio alla silhouette, come quello di scegliere scarpe un po’ più scure dei pantaloni. Se avete gambe lunghe e tornite siete – ça va sans dire – molto fortunate, perché potrete indossare senza problemi pantaloni corti e pantaloni a palazzo anche con scarpe basse.
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Abbinamenti