Pasta senza glifosato: migliori marche

Cosa portare in tavola per evitare prodotti trattati con questo erbicida in uso dagli anni Settanta e accusato di essere cancerogeno.

Cucina

Storia

Noi siamo quello che mangiamo”, diceva il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach, per questo è necessario essere vigili su ciò che si porta in tavola, sul rapporto tra cibo e salute, e per questo la redazione di DireDonna è andata alla ricerca delle migliori marche di pasta senza glifosato.

Ecco tutto quello che c’è da sapere su una questione sempre più dibattuta ultimamente.

Cos’è il glifosato

Il glifosato – diffuso a partire dagli anni Settanta – è uno degli erbicidi più utilizzati al mondo non solo in agricoltura, ma anche nelle aree urbane, grazie alla notevole efficacia su diverse specie infestanti e alla scarsa tossicità rispetto a prodotti simili precedenti.

Si parla molto di questo argomento in quanto, negli ultimi anni, il glifosato è stato accusato sui media di essere cancerogeno.

Glifosato cancerogeno?

Alla base di questa ipotesi c’è la classificazione dello IARC, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione, che ha posizionato il glifosato, dopo una serie di ricerche, nel gruppo 2 A, tra i “probabili cancerogeni”. È importante, però, sapere che nella stessa categoria ci sono le carni rosse, le emissioni degli oli di frittura, quelle del fuoco dei camini alimentati a legna o con biomasse e anche le bevande molto calde. Generalmente si tratta di sostanze che si sono dimostrate più cancerogene nei test sugli animali e di un pericolo più limitato per l’uomo.

Al netto di facili allarmismi e fake news, secondo l’AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, “il caso del glifosato rappresenta, al momento attuale, un buon esempio di sospetta cancerogenicità non sufficientemente dimostrata, nei confronti della quale le istituzioni hanno deciso di mettere in atto il principio di precauzione: non vietarne del tutto l’uso (mossa che potrebbe avere effetti negativi sulla produzione agricola) ma istituire limiti e controlli nell’attesa di ulteriori studi”.

In Italia, per esempio, dal 2016, per decreto del Ministero della Salute, il diserbante è vietato nelle zone “frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili quali parchi, giardini, campi sportivi e zone ricreative, aree gioco per bimbi, cortili e aree verdi interne a complessi scolastici e strutture sanitarie”.

Le 7 migliori marche di pasta senza glifosato

In attesa di indicazioni chiare e certe che solo percorsi scientifici istituzionali sono autorizzati a dare, e “tifando” per la dieta mediterranea, così equilibrata e sana, di cui la pasta è alimento base, abbiamo selezionato, in via precauzionale, le migliori marche di pasta senza glifosato in base alle più recenti analisi diffuse sul mercato, tra cui anche alcuni prodotti integrali. Bene sapere anche che, usato in dosi massicce in Stati Uniti e Canada, il glifosato può essere maggiormente presenze in miscele con grano importato.

Si tratta di una classifica in ordine alfabetico, parziale e personale, e che tiene conto del fatto che, in caso di livelli di quantificazione minima (pari a 0,010 mg/kg), non si può parlare di presenza, ma solo di “traccia”.

  1. Alce Nero. Azienda leader del biologico in Italia, dagli anni Settanta ha scelto la strada della natura e della trasparenza. La sua pasta è prodotta con materie coltivate e trasformate in Italia che sono al 100% bio.
  2. Coop Vivi Verde. La linea di prodotti alimentari bio della Coop, Vivi Verde, nasce seguendo una filosofia che combatte i parassiti delle piante senza l’utilizzo di prodotti chimici. La pasta è disponibile anche in versione integrale e di kamut.
  3. De Cecco. Ottima la pasta De Cecco, anche nella versione integrale. La varietà dei formati proposta permette di avere a disposizione in cucina davvero di tutto, dalla pasta da minestra alle speciali.
  4. Felicetti Bio. Da inserire in lista anche i prodotti del brand ottenuti da semole selezionate di grano duro, integrali e biologiche, valutate secondo i più rigorosi criteri di qualità.
  5. Garofalo Bio integrale. I risultati promuovono la pasta di Gragnano grazie alla Garofalo Bio integrale, disponibile anche in formati particolari, come la Mafalda corta e gli Spaghetti alla chitarra.
  6. Rummo Bio integrale. Tenuta di cottura eccezionale e lenta lavorazione sono le caratteristiche principali della pasta Rummo, e a passare il test al meglio sono i formati Bio integrali.
  7. Voiello 100% grano aureo. Il Grano Aureo nasce nel 2009, in seguito a un lungo percorso di ricerca e collaborazione con l’azienda sementiera “Produttori Sementi Bologna”. La sua filiera ha un altissimo valore sociale e ambientale.

Credits foto: