Una pizza con gli amici, una cena fuori dell’ultimo minuto o un aperitivo: anche quando si è a dieta, può capitare di ritrovarsi a sgarrare senza (quasi) rendersene conto. Se non fosse che il giorno dopo si presentano, puntuali, gli odiati sensi di colpa.

Niente paura: la prima regola, infatti, è quella di non farsi prendere dallo sconforto che spesso può indurre anche a gettare la spugna, rinunciando ai buoni propositi. Uno sgarro non comporta infatti un errore irreparabile ed anzi, in genere è previsto anche da molte diete come tattica per gratificare il corpo una tantum.

L’importante, naturalmente, è correre ai ripari il giorno seguente con qualche piccola astuzia.

Ecco allora le regole d’oro per rimediare a uno sgarro durante la dieta.

  • Non digiunare. Dopo una cena ipercalorica o una serata di bagordi, per non mandare all’aria la dieta, la tentazione sarebbe quella di digiunare. Tuttavia si tratta di un errore che è meglio evitare, poiché alla lunga rischia di mettere a repentaglio il buon funzionamento del metabolismo. Meglio allora concedersi i classici 3 pasti giornalieri (colazione, pranzo e cena), opportunamente rivisitati in chiave light.
  • Puntare su un menu leggero. Cosa mangiare allora dopo aver sgarrato? Le alternative possono essere diverse e adattabili ai gusti e alle esigenze personali. In linea di massima si può scegliere una colazione a base di yogurt magro e un paio di biscotti secchi. Per il pranzo, via libera a un passato di verdura con poco sale e a un’insalata condita con poco olio EVO e un goccio di limone. Mentre alla sera, il piatto giusto può essere una porzione di pesce ai ferri accompagnato da un contorno di verdure cotte al vapore.
  • Depurarsi. Un’altra regola fondamentale dopo gli eccessi alimentari è depurare l’organismo, aiutandolo ad espellere scorie e tossine. Appena sveglie, è buona regola bere due bicchieri di acqua tiepida con il succo di mezzo limone. Mentre durante il giorno si può sorseggiare una tisana al finocchio per limitare il senso di gonfiore. Altrettanto importante è bere molta acqua nel corso di tutta la giornata.
  • Incrementare l’allenamento. Infine, un prezioso alleato per smaltire le calorie è il movimento. Dopo uno sgarro, allora, largo a un’ora in più di allenamento in palestra ma non solo. Anche una passeggiata di mezz’ora a passo sostenuto può fare miracoli. In generale, anche per chi non è particolarmente avvezza alla palestra, per rimediare agli eccessi a tavola bisogna cercare di muoversi il più possibile anche adottando semplici stratagemmi, come rinunciare all’ascensore, facendo le scale a piedi oppure andando al lavoro senza auto.

Leggi anche Dieta: 7 consigli per non sgarrare | La dieta mima digiuno