Fino a qualche tempo fa, la scelta su come vestirsi per andare a teatro era molto limitata, sottoposta come era alle regole più ferree del bon ton. Soprattutto in casi di una prima rappresentazione, infatti, il galateo prevedeva un dress code fatto di abiti lunghi, possibilmente neri o comunque scuri.

Oggi, a meno che non si tratti di un’importante prima nazionale, come può essere quella alla Scala in occasione dell’apertura stagionale a Sant’Ambrogio, il 7 dicembre, si è abbastanza liberi quando si deve decidere come vestirsi per andare a teatro. Bisogna, tuttavia, tener conto, che nei teatri più importanti e blasonati delle città, la sera del debutto di uno spettacolo, in platea, sarà facile incontrare signore molto ben vestite, accompagnate da uomini altrettanto eleganti, accanto a personaggi più originali e a volte bizzarri, spesso colleghi artisti degli attori in scena.

Galleria di immagini: Come vestirsi per andare a teatro: le proposte

Fatte quindi salve queste premesse, vediamo tre opzioni su come vestirsi per andare a teatro.

Look classico

Col tubino, si sa, non si sbaglia, tanto meno per una serata a teatro. La lunghezza ideale è quella midi, al ginocchio, e il colore migliore resta il nero. Se si vuole, però, dare una sferzata di colore, si può optare per gli accessori blu elettrici, che impreziosiscono con brio la mise. In commercio si trovano tubini neri di mille fogge, tessuti e prezzi. Scegliere quello di Zara, dal taglio molto semplice, quasi anonimo, permette di giocare con il resto dell’outfit con grande libertà, abbinando, ad esempio, il sandalo in suede blu elettrico di L’Autre Chose, con lacci intrecciati che si chiudono alla caviglia e tacco a spillo, e la pochette preziosa di Badura in pitone e pelle di vitello dello stesso tono di colore. A completare il look, vista l’aria condizionata molto spesso accesa in sala a temperature abbastanza basse, sarebbe perfetta la stola di Valentino, con stampa in nero e blu elettrico.

Look elegante

Chiffon, tulle e pizzo sono tessuti che rendono l’outfit subito più ricercato ed elegante. Le lunghezze alla caviglia o al ginocchio per gli abiti sono quelle consigliabili per vestirsi per andare a teatro, perché si tratta di un’occasione in cui gli abiti sexy, particolarmente corti, attillati e scollati sono poco consoni. Meglio, allora, optare per un abito con scollo all’americana e schiena scoperta, come quello proposto in rosa corallo da H&M, a cui abbinare un foulard prezioso come quello di Gucci, con stampa blossom, da indossare sulle spalle. La Maison Fendi ha dato vita a un sandalo in pelle rossa lucida, tacco rosa e cut-out geometrici sulla punta, che richiamano i fiori Flowerland, particolarmente adatto all’abbinamento con l’abito in chiffon. Per mantenere l’outfit sui medesimi colori, si può indossare la clutch in plexiglass di Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Vista la ricchezza, anche variegata, degli accessori, si raccomanda di non eccedere con i gioielli, scegliendo di mettere soltanto un punto luce come orecchini.

Look casual

Da tempo il jeans è stato sdoganato dalla sua funzione d’origine, così anche un paio a sigaretta, come quello di Guess, possibilmente non eccessivamente délavé né tantomeno strappato ( quindi da evitare quei ripped jeans tanto di moda questa stagione), può essere indossato con tranquillità, avendo poi la cura di abbinare accessori che rendano l’outfit comunque ricercato. La camicia bianca, soprattutto di seta, è un must: Stella McCartney propone un modello con collo alla coreana molto semplice e lineare che può essere completato felicemente con una giacca in pizzo nero come quella di Twin-Set by Simona Barbieri. Ai piedi, un classico paio di pump nere (alte ed elegantissime quelle di Jimmy Choo) e come borsa una pochette nera e metallizzata di Federica Berardelli. Con le perle al collo, non si sbaglia mai.