I Reali d’Inghilterra diventano una serie tv d’animazione in The Prince

I Reali d'Inghilterra saranno i protagonisti di una serie tv animata, The Prince, sviluppata dallo scrittore e produttore esecutivo Gary Janetti

Spettacolo

Che i Reali d’Inghilterra siano costantemente al centro delle cronache non è certo un segreto, e di questa circostanza devono essersi accorti anche i dirigenti di HBO Max, i quali hanno dato l’ok alla produzione di una serie tv d’animazione, a carattere comico, che verrà intitolata The Prince.

La famiglia reale britannica sarà dunque al centro del progetto sviluppato dallo scrittore e produttore esecutivo Gary Janetti, che aveva già iniziato a designare e definire i personaggi sul suo account Instagram. La serie privilegerà un punto di vista particolare, ovvero quello del Principe George.

Il figlio più grande del Principe William e della Principessa Kate Middleton avrà la voce dello stesso Janetti, ma il resto del cast include anche attori noti come Orlando Bloom, che interpreterà il Principe Harry, Lucy Punch invece Kate Middleton e Tom Hollander darà voce al Principe Filippo e a Carlo. Il resto del cast è composto da Condola Rashad come voce di Meghan Markle, Alan Cumming in quelli del maggiordomo di George, Owen, mentre Frances De La Tour sarà la Regina Elisabetta e Iwan Rheon il Principe William.

Janetti ha descritto The Prince scherzosamente, definendola “l’ennesima serie su una famiglia che combatte senza scrupoli per il trono“. Janetti ha scritto anche episodi di serie come I Griffin e Will & Grace, oltre ad aver co-creato la sit-com di culto Vicious, che vedeva protagonisti Derek Jacobi e sir Ian McKellen.

Già divenuto feticcio dei social, il piccolo George – descritto dai produttori come “esilarante, controverso e sorprendentemente dolce” – racconterà al pubblico le vicende private della famiglia reale britannica, da una prospettiva decisamente nuova.

Forse non a caso la notizia riguardante la messa in cantiere di The Prince arriva proprio nel periodo in cui si discute animatamente e con una certa preoccupazione della decisione di Harry e Meghan di rinunciare ai titoli e al loro ruolo come membri principali della monarchia britannica.