Sanremo 2020: polemica sui compensi, Benigni ha chiesto 300mila euro?

Come ogni anno stanno facendo discutere le cifre destinate a Roberto Benigni e Georgina Rodriguez, per ora solo presunte

Spettacolo

Puntuale come ogni anno, ecco arrivare anche questa volta la polemica sui compensi del Festival di Sanremo 2020. Come sempre vi sono commentatori pronti a gridare allo scandalo, morale ed economico, sulle cifre pubblicate dai giornali, spesso neanche verificate, e c’è chi oppone l’usuale argomento dei guadagni pubblicitari.

A far partire il missile questa volta è Dagospia, che ha ipotizzato per l’ospite Roberto Benigni un compenso da 300mila euro. Una cifra senz’altro elevata, ma forse giustificata considerando il personaggio, la sua caratura e la sua grande popolarità.

Sarebbero meno giustificati invece i 140mila, ovviamente solo presunti, offerti a Georgina Rodriguez, la compagna di Cristiano Ronaldo, le cui competenze ed effettivo grado di fama sarebbero tutt’altro che stellari. Ma sopratutto farebbe discutere il primo preventivo, che si sarebbe aggirato sulla somma più abbordabile di 25-30mila euro. Bisogna anche considerare, però, l’eventuale presenza in sala del calciatore, eventualmente coinvolto sul palco “a sorpresa”.

Nuove gatte da pelare, dunque, per la 70esima edizione della kermesse canora, che si aggiunge alla rinuncia di Monica Bellucci. A farne le spese principalmente l’Amministratore Delegato della Rai Fabrizio Salini, che ora deve decidere se approvare i budget discussi o cedere di fronte alle polemiche.

Riguardo alla presenza di Roberto Benigni in realtà ci sono pochi dubbi. Il conduttore e direttore artistico Amadeus infatti aveva rivelato che l’attore, reduce dal Pinocchio di Matteo Garrone, “farà qualcosa che resterà nella storia della televisione. Vi invito a prestare la massima attenzione alla sua partecipazione”.

Inoltre il management dei due è il medesimo: la scuderia di Lucio Presta. Difficile dunque che non si trovi un accordo, trattando di un accordo tutto interno. Rimangono poi da discutere gli altri compensi dei compensi: Rula Jebreal per esempio per il suo intervento chiederà 20-25mila euro, di cui la metà andrà in beneficenza. Simile anche il cachet chiesto dalle altre donne che affiancheranno Amadeus, il quale in realtà porterà a casa l’assegno più grande da mezzo milione di euro (ma Baglioni prese 600mila e 700mila euro per le due edizioni condotte).