Oscar 2020: presentatore, candidature, nomination e previsioni

La guida completa per sapere tutto quello che serve prima del 9 febbraio quando saranno assegnate le statuette

Spettacolo

Storia

La Notte degli Oscar 2020 si avvicina: domenica 9 febbraio (lunedì 10 febbraio in Italia), al Dolby Theatre di Los Angeles, saranno consegnate le più ambite statuette del mondo del cinema. È tempo quindi di scoprire chi sarà il presentatore quest’anno, quali sono le candidature e arrischiare a fare delle prime previsioni.

Sono state annunciate tutte le nomination ai premi della 92esima edizione degli Academy Awards: il film che ha ricevuto più candidature è stato Joker di Todd Phillips con undici, seguito da C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, The Irishman di Martin Scorsese e 1917 di Sam Mendes con dieci in totale.

La sorpresa è stata Jojo Rabbit, film comico neozelandese ambientato nella Germania nazista, che ha ricevuto sette nomination tra le varie categorie. Altra sorpresa, alquanto inaspettata, la mancanza della nomination a Robert De Niro, che non è candidato come miglior attore. Scarlett Johansson è candidata sia come migliore attrice protagonista sia come migliore attrice non protagonista, mentre Parasite del sudcoreano Bon Joon-ho è candidato come miglior film, come miglior film straniero e come miglior regia.

Farà discutere anche l’assenza di Greta Gerwing, unica donna papabile nel panorama, nella cinquina della miglior regia.

Dove vedere la premiazione degli Oscar 2020? Anche quest’anno, in Italia la cerimonia di premiazione della 92esima edizione degli Academy Awards sarà in onda in diretta su Sky, sul canale dedicato Sky Cinema Oscar, che si accenderà sul canale 303 da sabato 1 a venerdì 14 febbraio, con oltre 90 film premiati nelle precedenti edizioni, disponibili anche on demand su Sky e NOW TV.

Sam Rockwell, Scarlett Johansson e Roman Griffin in Jojp Rabbit (Photo by Larry Horricks. © 2019 Twentieth Century Fox)

Il presentatore della Notte degli Oscar 2020

ABC, la rete che trasmetterà la cerimonia ha annunciato che anche quest’anno la serata non avrà nessun presentatore.

Era già successo lo scorso anno dopo che Kevin Hart, il presentatore che era stato scelto a fine 2018, aveva rinunciato a condurre la cerimonia in seguito alle proteste provocate dai commenti omofobi che aveva fatto tra il 2009 e il 2011. A causa della mancanza di un presentatore la cerimonia alla fine era stata più breve del solito, ma sorprendentemente era stata vista dal 12 per cento di spettatori televisivi in più rispetto all’anno precedente.

Laura Dern e Scarlett Johansson in Storia di un matrimonio (Courtesy Press Office)

Oscar 2020: le nomination

Miglior film

  • Le Mans ’66 – La grande sfida
  • The Irishman
  •  Jojo Rabbit
  • Joker
  • Piccole donne – Little Women
  • Storia di un matrimonio – Marriage Story
  • 1917
  • C’era una volta a… Hollywood 
  • Parasite

Miglior regia

  • Martin Scorsese per The Irishman
  • Todd Phillips per Joker
  • Sam Mendes per 1917
  • Quentin Tarantino per C’era una volta a… Hollywood
  • Bong Joon-ho per Parasite

Miglior attrice protagonista

Saoirse Ronan in Piccole donne (Courtesy Press Office)

Miglior attore protagonista

  • Antonio Banderas per Dolor Y Gloria
  • Leonardo DiCaprio per C’era una volta a… Hollywood
  • Adam Driver per Storia di un matrimonio – Marriage Story
  • Joaquin Phoenix per Joker
  • Jonathan Pryce per I due papi

Miglior attrice non protagonista

  • Kathy Bates per Richard Jewell
  • Laura Dern per Storia di un matrimonio – Marriage Story
  • Scarlett Johannson per Jojo Rabbit
  • Florence Pugh per Piccole donne – Little Women
  • Margot Robbie per Bombshell

Miglior attore non protagonista

  • Tom Hanks per A Beautiful Day in the Neighborhood
  • Anthony Hopkins per I due Papi
  • Joe Pesci per The Irishman
  • Al Pacino per The Irishman
  • Brad Pitt per C’era una volta a… Hollywood

International Feature Film Award – Miglior film straniero

  • Chorpus Chiristi (Polonia)
  • Honeyland (Macedonia)
  • Les Misérables (Francia)
  • Dolor y Gloria (Spagna)
  • Parasite (Sud Corea)

Miglior documentario

  • American Factory
  • The Cave
  • The Edge of Democracy
  • For Sama
  • Honeyland

Miglior sceneggiatura originale

  • Quentin Tarantino per C’era una volta… a Hollywood
  • Noah Baumbach per Storia di un matrimonio – Marriage Story
  • Bong Joon-ho per Parasite
  • Rian Johnson per Cena con delitto – Knives Out
  • Sam Mendes per 1917

Miglior sceneggiatura non originale

  • Taika Waititi per Jojo Rabbit
  • Todd Phillips e Scott Silver per Joker
  • Greta Gerwig per Piccole donne – Little Women
  • Steven Zaillian per The Irishman
  • Anthony McCarten per I due Papi

Miglior film di animazione

  • Dov’è il mio corpo?
  • Klaus
  • Dragon Trainer – Il mondo nascosto
  • Toy Story 4
  • Missing Link
Toy Story 4 (Courtesy Press Office)

Miglior cortometraggio documentario

  • In the Absence
  • Learning to Skateboard in a Warzone (Id You’re a Girl)
  • Life Overtakes Me
  • St. Louis Superman
  • Walk Run Cha-Cha

Miglior cortometraggio

  • Brotherhood
  • Nefta Football Club
  • The Neighbor’s Widow
  • Saria
  • A Sister

Miglior cortometraggio animato

  • Dcera
  • Hair Love
  • Kitbull
  • Memorable
  • Sister

Migliore colonna sonora

  • Hildur Guðnadóttir per Joker
  • Alexandre Desplat per Piccole Donne – Little Women
  • Randy Newman per Storia di un matrimonio – Marriage Story
  • Thomas Newman per 1917
  • John Williams per Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Migliore canzone originale

  • “I’m Standing With You” da Atto di fede
  • “Into the Unknown” da Frozen II – Il segreto di Arendelle
  • “Stand Up” da Harriet
  • “(I’m Gonna) Love Me Again” da Rocketman
  • “I Can’t Let You Throw Yourself Away” da Toy Story 4

Migliore scenografia

  • Bob Shaw per The Irishman
  • Dennis Gassner per 1917
  • Barbara Ling per C’era una volta a… Hollywood
  • Lee Ha-jun per Parasite
  • Ra Vincent per Jojo Rabbit

Migliori costumi

  • Mark Bridges per Joker
  • Jacqueline Durran per Piccole donne – Little Women
  • Arianne Phillips per C’era una volta a… Hollywood
  • Sandy Powell per The Irishman
  • Mayes C. Rubeo per Jojo Rabbit
Brad Pitt in C’era una volta a… Hollywood (Courtesy press office)

Miglior montaggio

  • Michael McCusker e Andrew Buckland per Le Mans ’66 – La grande sfida
  • Thelma Schoonmaker per The Irishman
  • Yang Jin-mo per Parasite
  • Tom Eagles per Jojo Rabbit
  • Jeff Gorth per Joker

Miglior fotografia

  • Roger Deakins per 1917
  • Robert Richardson per C’era una volta a… Hollywood
  • Lawrence Sher per Joker
  • Rodrigo Prieto per The Irishman
  • Jarin Blaschke per The Lighthouse

Miglior effetti speciali

  • Avengers: Endgame
  • The Irishman
  • Il re leone
  • 1917
  • Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Miglior trucco e acconciature

  • Bombshell
  • Joker
  • Judy
  • Maleficent – Signora del Male
  • 1917

Miglior sonoro

  • 1917
  • Le Mans ’66 – La grande sfida
  • Joker
  • C’era una volta a… Hollywood
  • Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Miglior montaggio sonoro

  • 1917
  • Le Mans ’66 – La grande sfida
  • Joker
  • C’era una volta a… Hollywood
  • Ad Astra
Renée Zellweger in Judy (Courtesy Press Office)

Le nostre previsioni: chi vincerà la Notte degli Oscar 2020

Chi tornerà a casa con le prestigiose statuette assegnate ogni anno dalla Academy Awards? Dando uno sguardo anche ai Golden Globe e ai Critics’ Choice Awards, sembrano scontate le vittorie di Joaquin Phoenix e Renée Zellweger.
Joker è tra i grandi favoriti: il film diretto, co-scritto e prodotto da Todd Phillips, ha conquistato 11 nomination agli Oscar 2020 nelle categorie miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista, miglior sceneggiatura non originale, miglior hair & make up, miglior fotografia, miglior montaggio, miglior colonna sonora originale, miglior sound editing, miglior sound mixing, miglior costume design. Il film, già vincitore di 2 Golden Globe (miglior attore protagonista in un film drammatico per l’interpretazione di Joaquin Phoenix e miglior colonna sonora originale per il lavoro di Hildur Guðnadóttir) e del Leone d’oro per il miglior film alla 76esima Mostra di Venezia.
Premi sicuri nelle categorie tecniche a Piccole donne, C’era una volta a… Hollywood e The Irishman, ma anche Parasite, del coreano Bon Joon-ho, e Jojo Rabbit, di Taika Waititi potrebbero avere in serbo più di una sorpresa.

Joaquin Phoenix in Joker (Courtesy Press Office)