Gonna a ruota: storia e abbinamenti

La storia di questo modello molto amato dalle tendenze della moda e gli outfit più belli visti in passerella

Pubblicato il 30 aprile 2020

Lunga, corta, nera, bianca o colorata: la gonna a ruota e le sue infinite declinazioni trova anche in questa Primavera-Estate 2020 la sua fortuna, abbinata come è stata in decine di variazioni sulle passerelle degli stilisti più celebrati.

Una storia fatta di anni di successi ininterrotti quella della gonna a corolla, modello amato dalle star e apprezzato dalle influencer, che valorizza un po’ i tutti i tipi di fisici: regala le curve alle magre che non ne hanno, sottolinea il punto vita creando un’illusione ottica che migliora il fisico a mela e nasconde i fianchi di quello a pera.

Ecco in dettaglio qualche curiosità sulla gonna a ruota: la sua storia e gli abbinamenti più belli visti nelle sfilate di Milano e Parigi.

Storia della gonna a ruota

Più di 70 anni e non sentirli: la gonna a ruota (o gonna a corolla) è nata, infatti, nel 1947 nell’atelier parigino di Christian Dior. Icona del New Look, continua a essere un must have, protagonista degli outfit più femminili.

Il completo disegnato da Monsieur era costituito da una gonna molto ampia, a corolla e a pieghe, molto simile ad un fiore, per sottolineare e valorizzare le forme femminili: la vita era tornata sottilissima per evidenziare l’ampiezza della gonna e la lunghezza era tornata al polpaccio e in occasioni più eleganti fino a terra.

Tante le attrici che tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta non seppero resistere al fascino della gonna a corolla: Marilyn Monroe indimenticabile con il vestito bianco in Quando la moglie è in vacanza, Audrey Hepburn con le gonne a ruota, lunghe e ricamate in Sabrina e in Vacanze romane, Olivia Newton John con gonna a ruota e brillantina in Grease. E più vicino ai nostri tempi, fan della gonna a ruota sono Sarah Jessica Parker, Hellen Mirren e Rooney Mara.

Negli anni ha conosciuto fortuna diversa, rimanendo sempre nel cuore di molti stilisti, da Raf Simons a Marc Jacobs fino a Maria Grazia Chiuri che l’ha rivisitata in colori e materiali sempre diversi nelle collezioni che ha disegnato per Dior.

Gli abbinamenti più belli dalle passerelle

La gonna a ruota per Dior

Christian Dior Spring/Summer 2020 (Photo by Stephane Cardinale – Corbis/Corbis via Getty Images)

Camicetta indossata dentro con slides per uno stile country chic che strizza l’occhio all’ambientalismo: Maria Grazia Chiuri per la collezione Dior Primavera-Estate 2020 propone un outfit ad alto contenuto glam con la gonna a corolla a vita alta.

Chanel: come abbinare la gonna a corolla

Chanel Spring/Summer 2020 (Photo by Stephane Cardinale – Corbis/Corbis via Getty Images)

Black&White il look mandato in passerella da Virgine Viard per Chanel: mini a ruota indossato con una maglia a righe, un cardigan con volant e scarpe bicolori.

Gli abbinamenti secondo Dolce&Gabbana

Dolce & Gabbana Spring/Summer 2020 (Photo by Estrop/Getty Images)

Sopra al ginocchio anche il modello di Dolce&Gabbana, che abbinano una gonna in rafia naturale con bra e sandali con plateau en pendant.

L’outfit della primavera 2020 firmato Gucci

Gucci Spring/Summer 2020 (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images for Gucci)

Allure anni Novanta per l’outfit pensato da Alessandro Michele per Gucci, che alla gonna a vita alta in duchesse di acetato con ampie pieghe frontali abbina un body in jersey con pois metallici color argento e stivali in pelle scamosciata verde acceso con maxi tacco e plateau.

Storia

  • Abbinamenti
  • Gonne