Quando nasce un bambino, si sa, cambiano abitudini, priorità e stile di vita: ci sono infatti alcune cose che fanno solo le mamme, spesso, se non sempre, per la prima volta.

Il centro del mondo, specie i primi mesi, diventa infatti il piccolo e le sue necessità: ci si può ritrovare improvvisamente maniache dell’igiene, anche se prima si faceva a malapena un bucato a settimana, e si finisce quasi sempre per abbandonare la propria it bag del cuore in favore di un maxi borsone contenente tutto il necessario per il nuovo arrivato.

Ecco allora una serie di cose che solo le mamme fanno per la prima volta in vita loro.

  • Disinfettare ogni cosa. Con un bimbo in casa, si sa, tutto deve essere pulito e possibilmente igienizzato ed ecco che per la neo-mamma disinfettare qualsiasi angolo della casa e qualsiasi oggetto in circolazione diventa una vera e propria missione.
  • Preparare una maxi borsa con pannolini &co. Quando nasce il bebè, addio borse e pochette modaiole. L’unico accessorio a cui una mamma non rinuncerà mai è infatti il maxi borsone per essere certa di avere sempre con sé tutto il necessario per il baby: pannolini, biberon, cambio, ciuccio, prodotti igienizzanti, carillon, pupazzi e ancora pannolini. È una questione di organizzazione.
  • Svegliarsi per controllare che il piccolo respiri. Le prime notti col bebè sono quasi sempre insonni… ma cosa succede quando il pargolo comincia a dormire due o tre ore di fila? In quel caso sarà la mamma a svegliarsi di soprassalto per sincerarsi che tutto vada bene e che il piccolo respiri ancora. E questa diventa poi una costante nel rapporto mamma-bimbo. Meglio abituarsi da subito.
  • Fare 3 lavatrici al giorno ogni giorno. Anche le donne che hanno sempre odiato fare il bucato, diventando mamme cambieranno decisamente prospettiva: il piccolo si sporca in continuazione e la mole delle cose da lavare aumenta vertiginosamente. E quindi via di lavatrici multiple e bucato steso in ogni angolo della casa.
  • Pulire il carrello della spesa. Prima di diventare mamma non ci si interroga mai sulla pulizia o meno del carrello della spesa. Ma quando arriva il piccolo scatta un’illuminazione: il carrello diventa un pericoloso ricettacolo di germi e batteri da sconfiggere a suon di salviettine umidificate e prodotti igienizzanti. Solo dopo un’accurata pulizia sarà infatti pensabile sedere il bimbo nel carrello e procedere con la spesa.
  • Fare shopping, ma non per sé. Se andare a caccia di accessori e abiti di tendenza era un’abitudine imprescindibile prima della vita col piccolo, da mamma le prospettive cambiano e anche lo shopping diventa “baby”. Ogni scusa è buona per comprare vestitini e magliettine ma solo per lui.