Durante la 29esima settimana di gravidanza il feto continua a ingrassare, cervello e organi interni a svilupparsi in modo definitivo.

Il bambino misura circa 26 centimetri dalla testa al sacro, pesa circa 1,25 chilogrammi e ha 27 settimane.

I tessuti molli di questi organi sono già visibili attraverso risonanza magnetica. La testa è ormai proporzionata rispetto al corpo. Grazie alle ossa morbide ed elastiche del cranio, che vengono sospinte verso l’esterno, il suo cervello può svilupparsi rapidamente.

Il cervello presenta sempre più grinze, a mano a mano che diventa più veloce e potente, costruendo connessioni fra le cellule nervose.

Le cellule nervose connettendosi fra loro formano solchi e membrane, mentre il tessuto continua a crescere. Le nuove connessioni fra i neuroni controllano ora diverse funzioni corporee, come la regolazione della respirazione e della temperatura.

Il feto risponde in modo più preciso alle stimolazioni sensoriali: avverte meglio rumori e suoni, sapori e odori; gli occhi si muovono nella loro sede e sono più sensibili alla luce, infatti attraverso la parete uterina riesce a riconoscere la differenza fra luce artificiale e naturale.

Il bambino ha meno libertà all’interno della pancia, ma è ancora capace di stiracchiarsi e scalciare.

Alla 29esima settimana, per alcune mamme, la pressione delle vene che portano il sangue dalle gambe al cuore potrebbe causare l’insorgenza di varici. Il seno produrrà una maggiore quantità di colostro, il primo nutrimento per il bambino.

Si consiglia di fare pasti leggeri e spuntini nell’arco della giornata per aumentare l’apporto calorico giornaliero di circa 250-300 calorie.

photo credit: omnia_mutantur via photopin cc