L’esercizio fisico è una buona pratica, necessaria per una vita più lunga e in salute: per ottenere il massimo dei benefici, però, è fondamentale conoscere alcune abitudini dannose per l’allenamento che si annidano nella routine quotidiana.

Che facciate esercizio in palestra, a casa o all’aria aperta, che pratichiate uno sport per dimagrire, per migliorare il tono muscolare o per mantenervi in forma, infatti, attivate una serie di meccanismi che funzionano al meglio se si seguono alcune regole generali.

Non solo è importante capire quando allenarsi, cosa mangiare prima e dopo la palestra e quale attività scegliere per arrivare agli obiettivi prefissati: esistono anche alcune circostanze cui di solito non si pensa ma che possono risultare importanti.

Vediamo, allora, 5 abitudini dannose per l’allenamento da conoscere ed evitare.

  1. Eseguire male gli esercizi. In molti non si rendono conto dell’importanza delle indicazioni di personal trainer e istruttori esperti nell’esecuzione degli esercizi: un esercizio eseguito male non solo è pericoloso per le articolazioni e i muscoli, ma può anche minimizzare l’effetto dell’allenamento. Importante seguire sempre i consigli, anche perché può essere difficile poi sbarazzarsi di cattive abitudini protratte a lungo.
  2. Allenarsi a stomaco vuoto. Gli esperti consigliano di non allenarsi a stomaco vuoto, perché quando il livello di zucchero nel sangue è troppo basso, il corpo estrae il glicogeno dai tessuti muscolari una volta esaurito disponibile. Questo significa che si inizia a perdere tono muscolare invece di costruirlo. Inoltre livelli bassi di zucchero nel sangue possono causare vertigini e debolezza durante l’allenamento. Niente abbuffate, però: basta mangiare una banana, una manciata di mirtilli o di noci, uno yogurt a basso contenuto di grassi 45 minuti prima di allenarsi per evitare problemi.
  3. Esagerare con il cardio. Il cardio, cioè qualsiasi attività sportiva ripetuta a intensità medio/alta per un minimo di 20 minuti, è molto utile per tenersi in forma, bruciare calorie e dimagrire. Fanno parte della categoria, tra l’altro, il nuoto, la corsa, l’ellittica, la bicicletta, lo step, l’aerobica, attività consigliate fra le 3 e le 5 volte a settimana. Eccedere con il cardio può portare alla perdita di forza e all’atrofia dei muscoli.
  4. Mangiare poco o il cibo sbagliato. In molti pensano che saltare i pasti possa aiutare a perdere peso, ma non è affatto così. Mangiare bene è fondamentale per restare in forma, altrimenti allenandosi il corpo disfa i muscoli per ricavarne aminoacidi da convertire in glucosio. Ideale un mix equilibrato di carboidrati, proteine e grassi sani, divisi in 3 pasti principali – colazione, pranzo, cena – e 2 spuntini. Da evitare cibi grassi, dolci raffinati, alcol.
  5. Dormire poco. Un sonno adeguato (6-8 ore a notte) consente ai muscoli di recuperare: senza i muscoli non potranno lavorare al meglio nei giorni successivi. Inoltre, il sonno aiuta a mitigare lo stress, fattore importante nella riduzione dei livelli di cortisolo responsabili del bilanciamento della produzione di testosterone e HGH per metabolizzare il grasso.