L’alga Kombu, chiamata anche “konbu”, è un alimento di origine vegetale molto utilizzato nella cucina giapponese per addolcire le pietanze, per ammorbidirle o come semplice contorno. Chiamata anche cavolo di mare, l’alga Kombu si presenta di colore marrone scuro, viene coltivata nella costa sud-orientale del Giappone, ma è molto presente anche nei mari del Nord Europa.

Benefici dell’alga Kombu

  • Grazie al ricco apporto di potassio, l’alga Kombu riesce a mantenere stabile il livello di questo componente chimico fondamentale per il benessere umano.
  • Il suo sostegno va anche al benessere del cervello e delle ossa, con un apporto molto forte di potassio, fondamentale per l’organismo.
  • L’alga Kombu riesce a preservare e proteggere più a lungo il sistema immunitario, nonché favorire tutte le funzioni dell’apparato digerente.
  • Il suo più grande supporto arriva al sistema cardio-circolatorio; è qui, infatti, che l’alga Kombu mostra tutti i propri benefici, salvaguardando la circolazione sanguigna e contrastando la formazione di ostruzioni nelle vene.

Utilizzo dell’alga Kombu

  • L’alga Kombu è molto utilizzata in cucina, soprattutto per la cottura dei legumi, in quanto li rende più leggeri e digeribili dall’organismo, riducendo il problema del gonfiore.
  • L’alga Kombu può essere utilizzata al posto del tradizionale dado da cucina, in quanto capace di insaporire e rendere gustori minestroni, brodi, zuppe e sughi.
  • Nella cucina vegetariana o vegana, l’alga Kombu viene utilizzata per aromatizzare e insaporire il seitan, impasto altamente proteico capace di sostituire gli alimenti di origine animale.
  • L’utilizzo dell’alga Kombu è presente anche nella cucina macrobiotica, in quanto utile per prepare pietanze tipiche di questa corrente di pensiero culinario.