Alice” è una commedia italiana diretta dall’esordiente Oreste Crisostomi, in uscita nei cinema il 25 giugno.

Il film è una favola moderna e metropolitana ambientata a Terni. La pellicola vanta un cast d’eccezione con Camilla Ferranti, Catherine Spaak, Gisella Sofio, Massimiliano Varrese, Antonio Ianniello, Fioretta Mari, Gianfranco Barra, Anna Longhi, Emanuela Aureli.

Alice (Camilla Ferranti) è una ragazza giovane che cerca di sopravvivere nella colorita e particolare realtà che la circonda: una madre invadente, un padre pieno di manie, colleghe di lavoro superficiali e false, amori segreti.

Così la ragazza cerca di cambiare e di uscire allo scoperto per affrontare la sua quotidianità. La ricerca di sé e la maggior consapevolezza di quello che vuole, aiuteranno Alice a trovare il suo percorso.

Il film è ricco di citazioni: la fotografia e i colori s’ispirano al pittore americano Edward Hopper, mentre alcune inquadrature richiamano i film di Fellini.

Il giovane regista Crisostomi vuole con questo film raccontare una favola moderna, che però risulta statica e frammentaria: infatti, come in un puzzle, le tessere cercano una loro posizione e unità senza trovarla, il filo logico del racconto si perde alla ricerca di una sceneggiatura poco comprensibile.

I personaggi descritti sono frutti di cliché e luoghi comuni, poco originali e sicuramente noiosi.

Massimiliano Varrese interpreta un omosessuale effeminato pieno di complessi e paure, mentre Catherine Spaak, nel ruolo della fata turchina, regala perle di saggezza rubate ai baci perugina.

L’idea del regista era probabilmente di raccontare una storia intellettuale creando un’atmosfera paradossale, in bilico tra la realtà e il sogno. Il risultato invece è una pellicola alla ricerca di un perché, senza alcun sviluppo né un contenuto.