Ieri si sono tenuti gli American Music Awards 2016, la cerimonia di premiazione dei migliori artisti americani dell’anno, e le popstar degli States hanno dato il loro meglio (o peggio) in passerella, come sempre. Nonostante la bellezza eterea di Gigi Hadid, che ha condotto lo spettacolo e che ha sfoggiato un bellissimo abito bianco di Cavalli, l’abito rosso fiammante di Selena Gomez e l’azzeccato total white di Lady Gaga, a rubare la scena è stata la moglie di John Legend, Chrissy Teigen.

Chrissy, che può vantare un fisico mozzafiato, ha deciso di non accontentarsi di mostrare le belle gambe chilometriche, ma ha sfidato la sorte indossando un abito nero accollato nella parte superiore ma con uno spacco inguinale da paura nella parte inferiore. Essendo i due lembi del vestito tenuti insieme soltanto da una spilla da balia fissata all’altezza del ventre, è facile intuire che al minimo movimento di troppo, l’abito si sarebbe spostato facendo intravedere le parti intime. E così è stato.

Seguendo un trend che in Italia è iniziato con Belen al festival di Sanremo, e copiato da Giulia Salemi e Dayane Mello al Festival di Cannes con risultati piuttosto discutibili, ora anche Chrissy Teigen ha mostrato involontariamente la sua “farfallina”, dal momento che non indossava nessun tipo di biancheria intima. Senza voler giudicare le scelte altrui, ci chiediamo se questa moda non sia davvero l’emblema del cattivo gusto, visto anche che la moglie di John Legend risulterebbe bella e sexy anche con qualche centimetro di stoffa in più indosso.

Al momento, l’unica che è riuscita a portare questo tipo di spacco con una certa eleganza è stata Bella Hadid sul red carpet del Festival di Cannes: seppur facendo scandalo (visto anche il tipo di manifestazione), la modella è riuscita a non scadere nel volgare.

Chrissy Taigen non è comunque l’unica che ha scelto di affidarsi a questo tipo di spacco: anche le Fifth Harmony e la cantante Bebe Rexha hanno sfoggiato scollature e spacchi vertiginosi, ma sono riuscite a evitare il malcapitato incidente.