E’ una specie di litania latente, che mi perseguita da quando ho memoria: “L’amicizia fra uomo e donna non può esistere“. C’è sempre qualche altro interesse, c’è sempre qualche altro coinvolgimento, c’è sempre un maggiore attaccamento almeno da una delle due parti. E poi gli uomini non sono mai amici disinteressati delle donne: hanno sempre un secondo fine. Insomma l’amicizia camuffa qualcos’altro. Sempre.

Da una vita mi domando se questi, che potrebbero essere paragonati a luoghi comuni, abbiano qualcosa di più di un semplice fondamento di verità. Perchè io ho amici maschi da sempre e non mi è mai parso ci fossero altri interessi. Sono semplicemente un’ingenua, una sognatrice, un’utopista?

Quando mi capitano fra le mani storie come quella di “40 Days of Dating” penso però di non essere poi così folle. Si tratta di un progetto personale, ma infine quasi sociologico, ideato da due amici single, una creativa e un designer newyorkesi, che hanno deciso di sfidare la sorte: 40 giorni di incontri romantici per capire se fra loro può nascere qualcosa.

40 giorni di analisi, riflessioni, tempo trascorso insieme, senza mai ricorrere alla banalissima ginnastica da camera: i due infatti non si toccano, l’accordo prevede un “no sex” piuttosto categorico.

Jessica Walsh e  Timothy Goodman, questi i nomi dei temerari protagonisti, tengono un diario (pubblico) dei loro incontri; ma il finale della storia deve ancora essere svelato al resto del mondo, nonostante i 40 giorni siano passati da un pezzo. Eppure i primi commenti non sembrano raccontarci una storia d’amore.

Timothy infatti appare stufo e svogliato fin dai primi giorni; Jessica ammette di pretendere sempre molto dagli uomini con cui esce. Insomma i due non si trovano. Quale miglior esperimento per sfatare il mito dell’amicizia impossibile fra uomo e donna?!?

A mio parere c’è una sola, fondamentale differenza tra l’essere amici e l’essere amanti complici: la componente fisica. Sarò banale, materiale, disillusa: ma l’amore cosiddetto platonico non è amore, è qualcos’altro.

Dunque secondo me esiste solo un modo per giudicare l’amicizia fra uomo e donna: la misura del desiderio. E tra Jessica e Timothy pare essere prossima allo zero. La mia conclusione? I due rimarranno amici, oppure non si vedranno mai più. Ma non inizieranno certo una vera storia d’amore. Mi sbaglierò?!? Se siete curiosi potete seguirli sul sito del “progetto”.

photo credit: Auzigog via photopin cc