Smentita la notizia di un nuovo amore per Barbara D’Urso, non c’è nessun flirt con Rolando Bianchi, il calciatore del Torino con cui sarebbe stata avvistata a Capri. È lei stessa a spegnere il presunto scoop di una relazione nascente. Ad annunciarlo era stato il settimanale “Vanity Fair” che, in una delle tante rubriche di cui è ricco il settimanale, senza pubblicare alcuna foto compromettente.

Poche parole senza fare nomi, “una conduttrice che complice la luna caprese non ‘ballava’ più da sola, ma con un calciatore”. A svelare il segreto dei due protagonisti del gossip era stato “Social Channel” Barbara d’Urso e Rolando Bianchi.

Al sito lo avrebbe comunicato un testimone oculare che, passeggiando nella notte caprese, aveva avvistato intorno alle due di notte, Barbara d’Urso e Rolando Bianchi nascosti in un portone, molto occupati a scambiarsi effusioni inequivocabili. Il pettegolo non era solo ad osservare la scenetta romantica, sembra che lei abbia cercato di giustificarsi, l’attaccante torinese avrebbe chiesto discrezione, essendo fidanzato. Per accontentarlo, ha subito spifferato tutto, sempre che sia vero, naturalmente.

Pescando sempre nel mondo del calcio, qualche tempo fa si vociferava che Barbara D’Urso avesse avuto degli incontri ravvicinati con Massimiliano Allegri, ma avevano smentito entrambi. L’allenatore era, anzi, molto contrariato per questo finto scoop, anche perchè era appena diventato papà.

I ben informati raccontano che fra Rolando Bianchi e Barbara D’Urso tutto sarebbe nato casualmente a Capri, una iniziale conoscenza seguita dalla folle passione. Lei su Twitter liquida tutto con poche parole:

“Scusate amici miei ma mi sono presa due giorni lontana da tutto .. Finti scoop compresi … Vi abbraccio e domattina si ricomincia insieme”

Barbara D’Urso è solita affrontare le situazioni di petto, difficilmente racconta della sua vita privata e, se qualcosa sfugge, ha una risposta pronta per gli inquietanti interrogativi dei curiosi. Era successo anche con Matteo Guerra, che si era inventato un flirt, e Stefano Bettarini, anche in quel caso aveva scelto la strada della schiettezza.