Le donne, come molti uomini sanno, vengono spesso viste come eterne indecise, confuse e dai gusti fin troppo difficili; dovranno però ricredersi, visto che da recenti studi è stato finalmente plasmato l’uomo perfetto. Cos’ha di così speciale? Tre piccole ma sostanziali caratteristiche: ha un viso chiaro dal colorito sano, una bella barbetta per incorniciare il sorriso e, ultimo ma non ultimo, è desiderato dalle altre donne.

Galleria di immagini: Uomini con la barba

Ebbene sì, alle donne poco interessa che sia mascolino, magari con un bel mento pronunciato e zigomi d’acciaio, o delicato come un infante, dai tratti finemente disegnati dalla grazia di un pittore romantico: deve avere un incarnato appetibile, tendenti ai toni piacevoli del giallo o del rosso, segno di salute di ferro e alimentazione corretta. Prima che gli uomini corrano ai ripari, è giusto fare una piccola distinzione: il giallo è un chiaro segno di un fisico abituato a seguire una {#dieta} ricca di frutta e verdura, quindi niente ittero per un fegato malandato da panini da fast food, mentre le tonalità rosate sono il segno distintivo di un organismo adeguatamente ossigenato dall’attività fisica, non dal bicchierino o birretta di troppo in compagnia degli amici, magari proprio mentre la dolce metà è a casa a sognare il principe azzurro.

Niente da fare quindi per i pallidi e gli amanti degli stili dark o goth, i quali però potranno sempre contare sulle focose amanti del genere; stessa sorte per gli uomini che passano più tempo sul lettino solare, mettendo a repentaglio la salute della {#pelle} e la possibilità di trovare la donna dei propri sogni. Come le signorine già sapranno o avranno già scoperto nel corso della propria vita, le caratteristiche che attraggono l’attenzione sono quelle che ci legano ancora a primordiali istinti che affondano nella notte dei tempi e che potrebbero essere riassunti così: mai visto un uomo della pietra spalmarsi la crema solare prima di prendere la tintarella o proteggersi dal sole per non perdere il suo affascinante colorito vampiresco?

Su una cosa però le donne moderne hanno cambiato i gusti: la barba. Partendo da folti cespugli arruffati fino a visi glabri e morbidi, il sesso femminile ha trovato il giusto compromesso in una peluria poco accennata, di quelle facilmente riconoscibili in chi proprio non ama combattere col rasoio appena sveglio. Infatti, se le barbe arruffate vengono ancora riconosciute come segno di forza e aggressività, ma a differenza delle nostre progenitrici non c’è più bisogno di correre dietro ai brontosauri per portare a casa la cena, e i faccini lisci sono per molte un segnale di giovinezza inadatta al proseguimento della specie, la “barbetta delle cinque” – come viene chiamata dagli anglofoni – è l’espressione perfetta dell’uomo moderno, pronto a dar vita a nuove generazioni senza rischiare, o almeno si spera, di vederlo agitare la clava in mano davanti a un gol subito dalla squadra del cuore.

In una cosa le donne non sono cambiate e, probabilmente, non cambieranno mai: sono sempre attratte dall’esemplare maschio più desiderato dalle femmine della specie. Perché questa terminologia? Semplice. È uno degli istinti animali più radicati nell’essere umano che, benché sia stato baciato dalla sorte e dall’evoluzione, non può fare a meno di sottostare ad alcuni fortissimi istinti atavici riscontrabili in moltissime specie animali. A un uomo, per apparire più invitante, basta – se così si può dire – circondarsi di una o più donne attratte da lui; questo farebbe scattare nel cervello femminile il “mate choice copying“, ovvero un meccanismo che avverte la donna delle potenzialità del maschio secondo il concetto del “se è già stato scelto da un’altra, deve avere delle potenzialità utili per formare una {#coppia}”.

Niente da fare per i maligni, che subito potrebbero pensare a una questione di pigrizia. Questo non è altro che il sigillo di qualità che la natura appone sui suoi “prodotti” migliori, gettando anche le basi per delle generazioni future sane e forti. Niente di così strano dunque, ma solo dei segnali che il nostro passato ci manda per ricordarci come eravamo tanti, anzi, tantissimi, anni fa. Chissà però cosa avrebbe detto Madre Natura se avesse saputo che un giorno sarebbe arrivata la celebrità e la chirurgia estetica, a dominare gli istinti dei suoi figli.

Fonte: National Geographic, The Telegraph, Cosmos