Bobbi Kristina Brown, unica figlia della compianta Whitney Houston, sarà la sola erede dell’impero economico della madre. Il testamento depositato ieri ad Atlanta rivela le volontà della cantante, scomparsa prematuramente il 12 febbraio.

Nel testo redatto da Whitney Houston un mese prima della nascita della figlia, cioè il 3 febbraio del 1993, non vengono menzionati singolarmente tutti i beni e le proprietà. Whitney Houston ha indicato però che alla figlia Bobbi Kristina fossero affidati mobili, vestiti, oggetti personali, gioielli e automobili appartenuti alla madre.

Galleria di immagini: Bobbi Kristina e l'eredità di Whitney Houston

Per quanto riguarda i soldi, ovvero la parte più cospicua dell’eredità, verranno depositati in un fondo d’investimento amministrato dalla manager e braccio destro della cantante, la cognata Patricia nonché zia di Bobbi Kristina.

La liquidità sarà comunque in parte disponibile e Bobbi potrà riceverne una parte al compimento dei 21 anni, una seconda parte quando avrà raggiunto i 25 anni e l’ultima e definita intorno ai 30 anni. Potrà comunque chiedere che le vengano elargite somme per gli studi, per l’acquisto di una casa, oppure per avviare un’attività.

Completamente esclusi i familiari e in particolare l’ex Bobby Brown; il testamento protegge di fatto la figlia dalle mire economiche del padre e l’amministrazione da parte della cognata potrà evitare che la ragazza sprechi tutto in modo inappropriato. Bobbi Kristina ha deciso di confessarsi nel programma condotto dall’amica di famiglia, Oprah Winfrey, che andrà in onda in USA l’11 marzo.

Fonte: Hollywood Life