Carnevale: febbraio non è solo il mese di San Valentino, ma anche l’occasione per festeggiare in maschera. E quale miglior modo di sfuggire alla routine quotidiana, e lasciarsi andare alla fantasia tipica dei travestimenti, se non con un viaggio?

Sono molte le attrattive di {#Carnevale} sparse per tutto il globo, e non riguardano solamente i classici eventi di Venezia o di Rio De Janeiro, che pur continuano a coltivare un fascino senza tempo. Lonely Planet ha voluto stilare una guida delle mete più ambite di tutti i continenti per febbraio, dove trascorrere questa ricorrenza dell’anno anche in modi particolarmente originali, ad esempio con il nuovo Anno Lunare.

Galleria di immagini: Carnevale e calendario lunare

Si parte con l’Asia, dove le feste di Carnevale spesso coincidono con le celebrazioni per il Nuovo Anno Lunare, secondo il calendario cinese. Fra le mete, imperdibile è la ricorrenza del Chūn Jié, che si festeggia in Cina – in particolare a Shangai – e a Hong Kong. Si tratta della festa più importante del continente asiatico, con rappresentazioni teatrali tradizionali e un tripudio di colori di lampade e dragoni illuminanti che andranno a solcare i cieli delle città. L’evento si tiene il 19 e il 20 febbraio e non sono pochi i tour operator europei che organizzano pacchetti all inclusive per godersi al meglio lo spettacolo.

Se si vuole trascorrere una vacanza decisamente più lunga di una semplice toccata e fuga di due giorni, considerata la distanza della Cina dal Bel Paese, si ricorda che da 5 al 19 febbraio si tiene, allo Zhaolin Park and Sun Island Park di Hāěrbīn, l’International Ice & Snow Festival, dove si potranno ammirare le più svariate sculture – dalla Tour Eiffel al Cremlino – create unicamente con il ghiaccio.

Simili celebrazioni per le stesse date nel vicino Vietnam, per il Tet Nguyen Dan. Anche in questo caso il benvenuto all’anno lunare nuovo viene garantito da musica e colori, ma soprattutto dal “cay neu“, l’Albero del Nuovo Anno. Si tratta di una costruzione celebrativa, spesso abbellita con fiori di pesco e di albicocca, pensata per tenere lontani gli spiriti cattivi dalle città.

In Malesia, e precisamente a Kuala Lumpur, avrà luogo il Thaipusam durante la prima luna piena del mese Thai, ovvero a cavallo tra gennaio e febbraio. Si tratta di uno dei festival più colorati del mondo, pensato per ricordare Murugan, il figlio di Shiva, a cui fu regalata una spada per annientare tre demoni. Definita come un “orgia di colori”, la festa catapulterà i viaggiatori in universo caotico di danze, musica, eventi culturali, tra cui spiccano gli abbellimenti da corpo più stravaganti che verranno eseguiti direttamente in strada, compresi degli incredibili piercing, con bocche e lingue solcate da lame.

Se si preferisse, invece, lanciarsi nell’onda trascinante del Carnevale occidentale, moltissimi sono gli appuntamenti. Innanzitutto, non si può non citare il fascino del Carnevale di Venezia, con il suo stile settecentesco, il rito della Colombina in Piazza San Marco e le sue maschere senza tempo. E che dire di Viareggio, con i suoi storici carri, pronti a ironizzare sui temi e i personaggi dell’attualità del Bel Paese. Rimanendo in Italia e cercando un’avventura decisamente da batticuore, ma assolutamente divertente, ci si può concedere un pomeriggio alla “Battaglia delle Arance” di Ivrea, mentre i più romantici potranno visitare Terni il 14 febbraio in occasione della festa degli innamorati. Tuttavia, i due eventi irrinunciabili si tengono lontano dai confini dell’Italia, precisamente in Brasile e negli Stati Uniti.

Il primo è ovviamente il Carnevale di Rio De Janeiro, che si tiene al famoso Sambodromo con festeggiamenti che durano tutto il mese. Musica, colori, tamburi, piume a non finire e costumi ristretti, per una festa all’insegna dell’eccesso e della perdita delle inibizioni. L’altro è il Mardi Gras di New Orleans, una festa in pieno stile africano nata da antiche tradizioni Zulu, con costumi tradizionali dallo sgargiante arcobaleno multicolore.

Fonte: Lonely Planet