Trovare lavoro all’insegna della flessibilità può essere molto più semplice che rivolgersi ai classici impieghi d’ufficio, con 8 ore obbligate per almeno 5 giorni la settimana. Senza contare che i lavori flessibili offrono la possibilità di poter generalmente gestire i propri orari, impegni e quindi la propria agenda.

=> Scopri i lavori più richiesti nel 2013

Se i lavori fissi, quelli dove “si timbra il cartellino”, sono ancora i più gettonati per quanto riguarda la stabilità, ma c’è chi non apprezza dover arrivare tutti i giorni alle 8 per staccare alle 17 con un’ora di pausa pranzo non pagata. Lavori di questo tipo, a parte tutti quelli che riguardano la produzione, quindi operai e fabbriche, sono i lavori in banca, alle Poste, nella Pubblica Amministrazione, che per altro con la crisi economica stanno assottigliando sempre più il personale.

I lavori flessibili invece ritrovano nuove spinte. Ma ci sono varie sfumature di flessibilità. Ad esempio lavori che non richiedano una presenza in ufficio a orari fissi, ma in cui le ore effettive alla scrivania variano di giorno in giorno. Come per quanto riguarda i giornalisti, scrittori tecnici o meno, agenti immobiliari o grafici. In questi casi spesso non si passa nemmeno tutti i giorni dall’ufficio ma si può lavorare all’esterno, e dove contano più gli obiettivi che le ore trascorse in sede.

=> Scopri come Milano va verso la flessibilità nei posti d’ufficio

Un altro genere di flessibilità riguarda i turni a rotazione. In questo genere di mestieri si hanno generalmente un numero di ore settimanali fisse che cambiano di giorno in giorno o di settimana in settimana. Di solito si stabilisce questa routine di orari nei lavori che non chiudono mai o quasi, quindi pompieri, infermieri e poliziotti, ma anche commesse o addetti alle vendite nei centri commerciali con un ampio margine di apertura.

=> Scopri le opportunità di lavoro per Natale

Un’alternativa ancora più flessibile riguarda quei lavori che non solo non hanno fissi gli orari, ma spesso nemmeno la sede stessa. Ad esempio gli assistenti di volo o hostess o i camionisti, lavori questi che sembrano non conoscere crisi ma che come svantaggio offrono condizioni di lavoro generalmente molto dure e non sempre ben pagate. In questi casi gli orari dipendono completamente dalla società di assunzione ma di sicuro la noia sarà l’ultimo dei problemi.

Fonte: AOL