Oggi parliamo di un cocktail particolare, che si chiama Angelo Azzurro. Si tratta di un drink alcolico per il quale servono gin, Cointreau, blue curacao e il ghiaccio. Dopo aver messo 4 -5 cubetti di ghiaccio in uno shaker, aggiungete 3 parti di gin, 1 di Cointreau e mezza di blu curacao. A questo punto, shakerate finché non si raffredda il cocktail, poi versate in una coppetta martini precedentemente raffreddate e servite.

Interessante scoprire il motivo del nome. Secondo alcuni, la gradazione alcolica sarebbe talmente elevate da permettere di volare, il colore azzurro è dovuto invece al blue curacao. Per altri, sarebbe un omaggio all’omonimo film con Marlene Dietrich. Esiste un’imitazione dell’Angelo Azzurro: si tratta del Blue Moon.

Tornando all’originario, si possono fare della varianti molto interessante. Alcune prevedono l’uso della vodka (anche aromatizzata), altre del rum. Non bisogna però mai scordare il blue curacao. Al posto del Cointreau, si può usare anche il Triple Sec, senza far cambiare gusto al drink.

Galleria di immagini: Il cocktail privato per Brioni a Francoforte