Dimagrire quando si smette di fumare può apparire per molti un’impresa davvero impossibile. 

Nella maggior parte dei casi, infatti, rinunciare al rituale della sigaretta significa senza ombra di dubbio guadagnare in termini di salute ma anche vedersi costretti ad accumulare qualche chilo.

È stato dimostrato che fumando si bruciano diverse calorie ma non solo: il fumo altera il gusto e l’olfatto quindi chi fuma tende a mangiare di meno perché ne ricava un piacere assolutamente limitato. Senza contare che la nicotina è spesso un rifugio per sedare tensioni e stress.

Per questo motivo, nel momento in cui si decide di smettere di rischia di prendere qualche chilo di troppo: si ricomincia a sentire i sapori e soprattutto si cerca di colmare l’astinenza buttandosi su cioccolato, biscotti e dolciumi vari.

È bene però considerate che seguendo qualche semplice accortezza alimentare sarà possibile mantenere la linea anche rinunciando alle sigarette e i vantaggi, in termini di salute, saranno indiscutibili.

Come fare? Ecco qualche suggerimento per dimagrire quando si smette di fumare.

  1. Lontano dalle tentazioni. La prima cosa da fare è quella di escludere da casa ogni forma di tentazione: il che non significa semplicemente eliminare sigarette, tabacco e accendini ma anche quei classici cibi che possono essere vissuti come una “sostituzione”. In dispensa, dunque, niente cioccolatini, biscotti o patatine ma solo spuntini sani e ipocalorici.
  2. Una dieta bilanciata. Per riuscire a dimagrire rinunciando alla nicotina, inoltre, è necessario ripartire da abitudini alimentari sane. La prima è quella di dividere il fabbisogno calorico giornaliero in 3 pasti principali – colazione, pranzo e cena – più due spuntini che possono servire a tenere a bada gli attacchi di fame improvvisi.
  3. Idratazione. Un ottimo antidoto alla fame è anche quello di mantenersi ben idratati, bevendo almeno due litri di acqua al giorno. Questo permette infatti non solo di depurarsi eliminando le tossine ma anche di gestire più facilmente il senso di fame.
  4. Chiedere aiuto. Se, nonostante gli sforzi, non si riuscisse a tenere sotto controllo l’ago della bilancia, una soluzione sicura può essere quella di chiedere il parere di un esperto che sappia consigliare la dieta più adatta per smettere di fumare e nello stesso tempo per smaltire i chili di troppo.
  5. Cicche e dentifricio alla menta. Infine un’ottima strategia è quella di sedare la fame lavandosi i denti con un dentifricio alla menta e usando un collutorio. La sensazione di avere la bocca fresca e pulita infatti terrà lontano gli attacchi di fame. Inoltre può essere utile tenere a portata di mano un pacchetto di cicche alla menta senza zucchero per compensare la mancanza della sigaretta e creare un nuovo rituale. Decisamente più sano e ipocalorico.