Spesso, specie alla prima gravidanza, può capitare che una futura mamma sia spaventata dall’idea di dover affrontare il parto naturale.

La paura di sperimentare sul proprio corpo un dolore mai provato prima e di non sapere come gestirlo, sono infatti sentimenti molto comuni che però non devono condizionare troppo portando la donna a vivere gli ultimi mesi di gravidanza con ansia.

Allora come prepararsi al meglio al parto naturale, così da tenere a bada la paura ed arrivare serene e consapevoli al grande momento?

Ecco un pratico vademecum per partorienti.

  • Frequentare un corso preparato. Per gestire la paura ma anche arrivare al parto con le giuste informazioni, iscriversi a un corso apposito è senz’altro la migliore strategia. Affidarsi infatti a personale qualificato permette di sentirsi più sicure e preparate anche se si è alla prima esperienza. Se poi agli incontri partecipa pure il papà, i futuri genitori potranno imparare anche le tecniche migliori per affrontare insieme il travaglio.
  • Allenamento fisico. Che siano delle lezioni di yoga per gestanti piuttosto che un corso di acquaticità, anche fare esercizio fisico mirato può essere un ottimo modo di prepararsi al parto perché permette di prendere confidenza con il proprio corpo ma anche di imparare le tecniche di respirazione migliori per gestire il dolore del parto.
  • Scegliere in anticipo dove partorire. Anche conoscere e familiarizzare con la struttura scelta per il parto può essere utile per sentirsi più tranquille in vista del grande momento. In questo modo infatti sarà possibile ottenere informazioni importanti sulla prassi della struttura: se garantisce la possibilità di parto epidurale, per esempio, o ancora di parto in acqua ma anche qual è il necessario richiesto da mettere in valigia che può infatti variare da ospedale a ospedale.
  • Una lettura ad hoc. Per le future mamme che non si accontentano di un corso, in libreria si possono trovare tanti manuali adatti per prepararsi al parto. Un esempio è “Preparazione al parto naturale”, un libro con dvd di Janet Balaskas: esercizi, meditazione e anche pratici spunti per chi volesse scegliere il parto in acqua in un pratico manuale adatto a tutte le gestanti.
  • Attenzione ai racconti. Infine per prepararsi al parto nel migliore dei modi è anche assolutamente consigliato non dare troppo ascolto ai racconti, spesso un po’ forti, di chi ci è già passata. Ogni donna è a sé e dunque la stessa esperienza del parto può essere molto diversa a seconda dei casi.