La salute del bebè passa anche dai gesti quotidiani che la mamma compie per la sua igiene; in modo particolare, è importante pulire le orecchie e il naso del neonato in modo adeguato.

Una corretta igiene di queste parti  permette infatti di evitare al piccolo fastidiosi disturbi quali raffreddore, faringite o otite. Allo stesso tempo, però, occorre prestare molta attenzione a quello che si usa per la pulizia di naso e orecchie del bebè, tenendo conto che si tratta di zone particolarmente delicate, specie nei primi mesi di vita.

La prima regola importante è allora quella di organizzarsi con tutto il necessario per l’igiene del piccolo, scegliendo i prodotti giusti e rispettando le modalità d’uso più appropriate per il neonato.

Come pulire le orecchie del neonato

Per quanto riguarda la pulizia del naso, ecco dunque come procedere.

  • Per rimuovere dalle cavità nasali eventuali, piccoli residui di muco o crosticine, è bene utilizzare delle semplici garze sterili imbevute di acqua fisiologica. La garza andrà passata con delicatezza intorno alle narici così da assicurare al bebè una corretta respirazione. L’importante è scegliere sempre garze piuttosto morbide così da non irritare la pelle particolarmente delicata del neonato.
  • Per assicurarsi poi che il nasino del piccolo sia sempre libero e che le mucose non siano troppo secche, periodicamente è bene effettuare anche dei lavaggi nasali. Anche in questo caso si può utilizzare acqua fisiologica, disponibile in pratici flaconcini monouso oppure da utilizzare con l’aiuto di una siringa senza ago. Come si procede? Il piccolo va adagiato, su una superficie piana, sul fianco sinistro quando la soluzione viene iniettata nella narice destra e viceversa. In questo modo l’acqua fisiologica passerà dalle narici ripulendole da eventuali secrezioni che possono ostruirle. Bisogna infatti tenere a mente che i neonati respirano soprattutto attraverso il naso ed è quindi di fondamentale importanza mantenerlo sempre pulito.
  • In caso di raffreddore può essere poi necessario liberare le narici con l’aiuto di un aspiratore nasale da acquistare in farmacia: si tratta in genere di un semplice tubicino attraverso cui l’adulto può aspirare dal nasino il muco in eccesso.

Come pulire il naso del neonato

Per quello che concerne invece le orecchie, la prima precauzione riguarda senza dubbio i classici bastoncini di ovatta che devono essere usati solo ed esclusivamente per pulire, con delicatezza, il padiglione auricolare; se utilizzati infatti all’interno dell’orecchio possono spingere il cerume in profondità causando fastidiosi tappi.

  • Una buona regola, invece, può essere quella di pulire le orecchie del neonato durante il bagnetto, utilizzando la semplice acqua e senza aggiungere sapone.
  • In alternativa, anche per le orecchie, via libera alle garze sterili imbevute di acqua fisiologica.