Durante la gestazione, ma anche prima di rimanere incinta, ogni donna dovrebbe effettuare un accurato screening della tiroide per escludere eventuali patologie che, frequentemente, si verificano dopo la nascita del bambino.

Questo è quanto emerso da un recente studio che ha voluto proprio verificare i legami tra la gravidanza e alcune malattie che riguardano la tiroide, spesso presenti nelle donne anche a distanza di due anni dal parto e in totale assenza di sintomi. A condurre la ricerca è stato un tema appartenente alla Charles University di Praga, che ha presentato i risultati all’European Congress of Endocrinology.

Galleria di immagini: Gravidanza e tiroide

Sottoponendo 200 donne a specifici esami relativi all’area tiroidea, sia prima sia dopo il parto, i ricercatori hanno potuto verificare come metà delle pazienti presentava un determinato marcatore indicativo di possibili patologie per la tiroide. Un terzo delle partecipanti allo studio, invece, ha effettivamente sviluppato patologie nei ventiquattro mesi successivi alla nascita del figlio.

“Le donne che pensano di avere un bambino dovrebbero fare il test per la funzione tiroidea e per l’autoimmunità della tiroide. Questo potrebbe permettere di curare più efficacemente decine di migliaia di donne e i loro bambini”.

Solo un paio di anni fa, inoltre, un altro studio portato avanti dall’Istituto di Endocrinologia dell’Università Cattolica di Roma, ha messo in evidenza come in gravidanza gli ormoni tiroidei della mamma vengono trasmessi al feto e agiscono in relazione allo sviluppo del cervello. Ci sarebbe quindi un legame stretto tra le funzionalità tiroidee della donna e le future capacità cognitive del bambino.

Sembra infatti che, in presenza di ipotiroidismo, alcune mamme abbiano partorito neonati con leggeri deficit di apprendimento. Un motivo in più per tenere sotto controllo la tiroide durante la gestazione, periodo nel quale si possono verificare disfunzioni, effettuando screening accurati, ecografie e analisi del sangue. Tre donne su dieci, inoltre, manifestano una patologia chiamata tiroide post partum che generalmente compare entro un anno dal parto e nella maggioranza dei casi si riassorbe spontaneamente.