Cosa fare a Milano nel weekend del 26-28 gennaio? Tanti anche questa settimana gli appuntamenti in programma, tra mostre, retrospettive, incontri d’artista ed eventi enogastronomici per deliziare il palato.

Tra le mostre più curiose, vi segnaliamo l’esposizione fotografica dedicata a quello che è considerato il primo paparazzo della storia, ovvero Tazio Secchiaroli, il cui obiettivo immortalò e consacrò, in scatti diventati memorabili, dive e personaggi della dolce vita romana.

Per chi invece ha il pallino della mise en place, a Palazzo Reale da non perdere l’originale mostra che ripercorre la storia dell’arte della tavola, raccontata in tutte le sue sfumature, come specchio dei cambiamenti sociali ed estetici di ogni epoca.

E sempre in tema di tavola, da non perdere anche l’evento food di questo weekend, organizzato da Eataly e dedicato al gustoso mondo dei ravioli, specialità Made in Italy, sì, ma anche piatto dall’insospettabile animo cosmopolita… tutto da scoprire e da assaggiare.

Tante anche le iniziative organizzate in occasione della Giornata Della Memoria, che ricorre sabato 27 gennaio, con concerti e spettacoli teatrali in ricordo delle vittime dell’Olocausto.

Ecco allora qualche idea per decidere cosa fare a Milano nel weekend del 24-26 gennaio.

Appuntamento con l’artista David Byrne

Venerdì 26 gennaio la Fondazione Prada ospita una presentazione speciale di Reasons to Be Cheerful di David Byrne, un progetto che comprende scritti, fotografie, musica e incontri pubblici a cura dell’artista. Il tema è quello della speranza. “Ho iniziato a ricercare fatti incoraggianti che accadono intorno a noi“, racconta infatti l’autore. “Se la loro efficacia è già stata accertata, se possono essere applicati ad altri contesti, se è possibile estenderli nel tempo,allora perché non analizzarli e invitare altre persone a unirsi al progetto?“. Il talk, in lingua inglese con traduzione simultanea in italiano, sarà seguito da un dibattito con lo stesso David Byrne.

Venerdì 26 gennaio alle ore 19. Cinema della Fondazione Prada, largo Isarco 2. Ingresso gratuito.

Courtesy: press office

Woody Allen e le donne

Per chi ama le pellicole di Woody Allen, l’appuntamento da non perdere è quello allo Spazio Oberdan, con la rassegna dedicata ai personaggi femminili più intensi delle sue commedie: timide o aggressive, spesso intellettuali, a volte depresse e un po’ sfrontate, ma quasi sempre interpretate da grandi attrici, le donne di Allen rappresentano infatti un’affascinante chiave di lettura per tornare a vedere alcuni dei grandi classici firmati dal regista. Sabato 27 alle 15 sarà la volta di Hanna e le sue sorelle, mentre alle 19 sarà proiettato il celebre Misterioso omicidio a Manhattan.

Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2, angolo piazza Oberdan. Biglietto 7,50 euro.

Foto: Cinetecamilano.it

C’era una volta… la mise en place

La tavola, si sa, è uno di quegli elementi che meglio rispecchia abitudini e modi di vivere, cambiamenti sociali ed estetici. Ecco perché merita sicuramente una visita Conviviando, l’arte della tavola tra passato e futuro, mostra organizzata a Palazzo Reale e dedicata agli oggetti che nel corso delle varie epoche hanno animato la tavola, raccontando così un’affascinante storia della mise en place.

Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12. Fino al 15 febbraio 2018. Dalle 9,30 alle 19,30 – sabato fino alle 22,30. Ingresso gratuito.

Foto: palazzorealemilano.it

Giornata della Memoria

Anche a Milano, moltissimi gli eventi per ricordare le vittime della Shoah. Sabato 27 gennaio, alle ore 21, presso la Sala Verdi del Conservatorio (Via Conservatorio 12) si terrà il concerto gratuito ispirato al romanzo Destinatario Sconosciuto, della scrittrice statunitense Kathrine Kressmann Taylor, con musiche di M. Ravel, J. Rodrigo, A. Hemsi. Al Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli 6), sabato 27 gennaio, alle ore 19,30, andrà in scena lo spettacolo Matilde, scritto e diretto da Renato Sarti: alla base l’idea di mettere in luce il “non eroismo” di migliaia di uomini e donne, che si opposero al fascismo e al nazismo a caro prezzo.

Biglietti a partire da 26 euro.

Foto: piccoloteatro.org

Ravioli, che passione!

Per chi invece  è caccia di eventi enogastronomici, da segnare in agenda il Festival proposto da Eataly in occasione del suo undicesimo compleanno, e dedicato al mondo dei ravioli, piatto cosmopolita, non solo simbolo di tradizione e famiglia, come nel nostro paese, ma comune a moltissime altre culture. Dai ravioli cinesi, a quelli indiani, fino alla variante coreana, Il mondo in un raviolo offre l’occasione di sperimentare una tre giorni di degustazioni davvero particolari. Per i vari assaggi è possibile utilizzare i gettoni da richiedere in cassa all’entrata e che danno diritto a degustazioni singole o maxi… per sperimentare tutti i tipi di ravioli.

Venerdì 26 dalle ore 18.00 alle ore 23.00. Sabato 27 dalle ore 12.00 alle ore 23.00 Domenica 28 dalle ore 12.00 alle ore 22.00. Eataly, Piazza XXV Aprile, 10.

Foto: fatale.net

Appuntamento con l’arte contemporanea

Al Superstudio Più, dal 26 al 28 gennaio, torna il nuovo appuntamento con AAF, Affordable Art Fair. L’evento, giunto alla sua ottava edizione,  è dedicato al mondo dell’arte contemporanea, tra esposizioni e incontri ed è aperto a esperti del settore ma anche curiosi, appassionai d’arte e collezionisti che possono acquistare in loco i pezzi esposti, venduti a costi contenuti. Un’occasione per scoprire artisti emergenti ma anche per conoscere espressioni, tecniche e linguaggi all’avanguardia. Durante la durata dell’evento, si terranno anche workshop e laboratori dedicati.

Superstudio Più, Via Tortona 27. Venerdì e sabato dalle 11 alle 21. Domenica dalle 11 alle 20. Biglietto euro 9.

foto: Facebook @AAFMilano

Dentro l’obiettivo del primo paparazzo della storia

Tazio Secchiaroli è stato il primo fotografo d’assalto italiano, divenuto celebre immortalando personaggi del calibro di Anita Ekberg, Antony Steel, Walter Chairi, nella Roma della “dolce vita”. Proprio a lui e ai suoi celebri scatti “rubati” è dedicata l’imperdibile mostra Uno sguardo particolare.

Galleria Still, Via Balilla 36. Fino al 23 febbraio. Venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Sabato e domenica su appuntamento. Ingresso gratuito.

Foto: Tazio Secchiaroli