Cosa fare a Roma nel weekend del 4-6 maggio? È un fine settimana all’insegna della sperimentazione e della scoperta, di mondi lontani e di tecniche antiche quello che regala la Capitale, tra tatuaggi, calligrafia giapponese, arte lituana o OperaCamion. Se non avete in programma una gita fuori porta o un fuga al mare, ecco le proposte più allettanti selezionate per voi dalla redazione.

Leggi anche: Festival di Cannes 2018, date, biglietti, giuria, film e manifesto | Cosa fare a Milano nel weekend

Hiroshige alle Scuderie del Quirinale

Le Scuderie del Quirinale ospitano la mostra, Hiroshige. Visioni dal Giappone, una selezione di circa 230 opere appartenenti a prestigiose collezioni che provengono da Italia, Giappone e Stati Uniti, che permette di ammirare il tema della natura declinato dallo stile affascinante e raffinato di Hiroshige: dalle più note serie di vedute quali Cento vedute della Capitale di Edo e Cinquantatre Stazioni di posta del Tokaido, alle silografie policrome di fiori insetti e animali tra le più ammirate, fino ai disegni originali ancora intatti. Previsto sabato il laboratorio di Calligrafia Shodo, che persegue la perfezione e la grazia del tratto.

 Via XXIV Maggio, 16. venerdì e sabato dalle 10 alle 22.30. Domenica fino alle 20. Dalle Biglietti da 15 a 13 euro.

Utagawa Hiroshige, Peonie (courtesy press office)

Il Festival lituano delle Arti all’Auditorium

Fino al 15 maggio si tiene all’Auditorium Parco della Musica Flux. Festival lituano delle arti,  per celebrare il centenario della Repubblica della Lituania. La Fondazione Musica per Roma si unisce così ai festeggiamenti sulla prima indipendenza della Lituania, proclamata ufficialmente il 16 febbraio 1918, uno dei più importanti momenti della storia del Paese e della costruzione dell’identità nazionale della Lituania. Fino al 9 maggio, il foyer della Sala Sinopoli ospita le fotografie di Vitas Luckus (1943-1987), uno dei fotografi più originali del panorama lituano,  vera e propria leggenda non solo in Lituania ma in tutta l’Unione Sovietica.

Via Pietro da Coubertin, 30. Dalle 11 alle 20. Ingresso libero.

Vitas Luckus, Pantomime (Foto: courtesy press office)

Don Giovanni al Nazionale

Dopo aver girovagato per le piazze di Roma e del Lazio nel corso delle ultime due estati il tir di OperaCamion, in attesa delle nuove tournée estive, si concede un’altra sosta al Teatro Nazionale dopo quella di febbraio con Il barbiere di Siviglia. Il camion si fermerà sul palcoscenico del Teatro Nazionale dove andrà in scena il Don Giovanni di Mozart (5, 6, 11 e 12 maggio), l’ultimo successo dell’estate 2017, riproposto esattamente come era stata pensata dall’ideatore e regista Fabio Cherstich. Ridotta ad hoc nella durata, ma completa di scene, video e costumi firmati da Gianluigi Toccafondo, con la Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma che esegue le musiche dal vivo e con una compagnia di cantanti composta da giovani talenti, tra cui alcuni partecipanti al progetto “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma.

Via del Viminale, 51. Sabato alle ore 18 e domenica alle ore 16.30. Biglietti da 25 a 15 euro.

Foto: Yasuko Kageyama (courtesy press office)

Outdoor Festival a Testaccio

Il quarto week-end di Outdoor, il più grande Festival in Italia dedicato alla cultura metropolitana, al Mattatoio di Testaccio fino al 12 maggio, prevede la musica funky house con il dj Purple Disco Machine, sulle tracce degli ultimi mahana in Nuova Zelanda con il documentario di Vice Australia, alla scoperta dei momenti più belli del calcio italiano con i volti di Rai Sport Fioravanti e Antinelli. In partnership con Vice Italia, venerdì 4 maggio, alle ore 21, è in programma la proiezione del documentario The Last Man of Mahana, prodotto da Vice Australia, che segue le tracce di Arthur, uno degli ultimi membri della comunità Mahana, fondata nel 1978 in Nuova Zelanda, sulla scia del movimento hippie. Segue l’incontro con Vincenzo Ligresti di VICE Italia e Stefano Bianchi, fondatore della casa editrice di fotografia in crowdfunding Crowdbooks, che presenta il progetto Utopia di Carlo Bevilacqua, un racconto fotografico del giro per il mondo alla ricerca di persone che hanno abbandonato la società moderna per vivere in comunità. A seguire il dj set di Santeria e Unfollowers. (Per partecipare alla conferenza VICE + party inviare il proprio nominativo a festa@vice.com).

Lungo Tevere Testaccio. Concerti sabato dalle 21.30. Biglietto 15 euro

(Foto: courtesy press office)

Mai morti a Villa Torlonia

Venerdì e sabato, al Teatro di Villa Torlonia va in scena Mai Morti, una “affabulazione nera” che fa discutere, arrabbiare, divide, emoziona e commuove. Con una scrittura evocativa, Renato Sarti ripercorre la nostra storia recente attraverso i racconti di un fascista mai pentito. È affidato a Bebo Storti il difficile compito di dare voce a questo nostalgico delle “belle imprese” del Ventennio fascista, oggi impegnato in prima persona a difesa dell’ordine pubblico contro viados, extracomunitari, zingari e drogati. Mai Morti era il nome di uno dei più terribili battaglioni della Decima Mas. A questa formazione, che operò a fianco dei nazisti nella repressione anti-partigiana, e allo spaventoso magma del pianeta fascista il personaggio guarda con delirante nostalgia. Durante una notte milanese dei nostri giorni, il protagonista si abbandona a ricordi sacri, lontani, cari.

Via Lazzaro Spallanzani, 1A. Alle ore 20. Biglietti da 10 a 8 euro.

(Foto: courtesy press office)

International Tattoo Expo

Il Palazzo dei Congressi ospita da venerdì a domenica tatuatori provenienti da tutto il mondo e appartenenti alle più diverse correnti e stili in cui può esprimersi un tratto d’inchiostro sulla pelle umana, in occasione della diciannovesima edizione dell’International Tattoo Expo. Tra i 400 artisti italiani e internazionali: Łukasz Smyku Siemieniewicz (Dead Boy Tattoo), Franco Roggia, Gianluca Ferraro, Giulia Montanari, Hussein Mistrah, Ivan Pecoraro (Max Studio A Dübendorf, Zurigo), Kike Esteras (Black Ship, Barcelona), Daria Pirojenko, Nicholas Matik, Owen Paulls, Roberto Dolci, Roberto Lauro, Sergey Murdoc, Fabio Guerreiro (True World Tattoo), Francesco Cinti Piredda (Uno Per Cento), Vladimir Arhipkin (Kisa Kisenka), Zek Keleman (Comic Tattoo, Budapest),Rafel Delande, London; Jannicke Wiese Hansen, Norvegia; Stevie Floyd, USA; Jef Whitehead, USA; Keenan Bouchard, USA; Taneli Jarva, Helsinki; Job De Quay, Helsinki.

Piazza John Kennedy, 1. Dalle 13 alle 23.30. Biglietti da 16,50 euro.

(Foto: iStock)