Tim Burton rilascia nuove dichiarazioni a proposito di “Dark Shadows”, il film vampiresco interpretato da Johnny Depp.

Burton ha sentito il bisogno di coreggere alcune idee circolate a proposito del lungometraggio, specialmente dopo l’uscita del trailer. Dal trailer, infatti, sembrava che “Dark Shadows” fosse una commedia.

Galleria di immagini: Dark Shadows, locandine

Complici le divertenti e parossistiche evoluzioni facciali di Johnny Depp, tutti avevano avuto l’impressione che si trattasse di un film comico: Barnaba, il vampiro protagonista, si risveglia dopo duecento anni e trova un mondo completamente diverso, in cui la lotta non è più tra umani e creature della notte, ma tra McDonald e hippy.

Gli stessi fan della serie televisiva degli anni Sessanta, abituati a una soap opera dark, si sono meravigliati del registro stilistico da commedia che è apparso dal trailer.

Ma Tim Burton smentisce: il film non è una commedia. Tutte le battute divertenti dell’intera opera sono solo quelle mostrate nel trailer. “Dark Shadows” rimane un film melodrammatico gotico e horror. Gli inserti comici – spiega Burton – sono giustificati da esigenze di sceneggiatura: svegliatosi in un mondo completamente diverso, Barnaba entra in contatto con alcune stranezze (le ragazze in minigonna, i cantieri urbani, la TV). Il primo impatto tra il vampiro e queste stranezze può facilmente suscitare ilarità. Siamo ben lungi, quindi, da poter definire “Dark Shadows” una semplice commedia.

Anzi, Burton va molto più in profondità con la sua spiegazione: Barnaba di “Dark Shadows” sarebbe molto simile a “Edward Mani di Forbice”. Entrambi soli, due “anomalie” in un mondo che li addita. Tuttavia, mentre Edward era più ingenuo, dice Burton, Barnaba sa il fatto suo.

Staremo a vedere cosa succederà l’11 maggio al cinema, se gli spettatori rideranno o se rimarranno inquietati da atmosfere cupe. Nel fattempo, Tim Burton annuncia che sta lavorando a “Beetlejuice 2”.

Fonte: Mtv